Justine Mattera racconta di come ha rischiato di morire

di Fabiana Commenta

La showgirl americana racconta i dettagli della sua crisi respiratoria

Ci ha provato i tutti i modi a far sapere a tutti di aver rischiato di morire per una crisi d’asma e adesso Justine Mattera ha deciso di raccontarlo (di nuovo) anche in un’intervista a DiPiù.

Qualche giorno fa la showgirl aveva pubblicato delle foto su Twitter che la ritraevano in ospedale con la cannula dell’ossigeno per poter respirare. E subito Justine Mattera aveva reso noti i particolari del suo incidente: la crisi respiratoria e la corsa in ospedale.

Nell’intervista Justine spiega che erano le cinque del mattino quando si era resa conto di non essere quasi in grado di respirare e di sentirsi soffocare. Neppure l’inalatore riusciva a farla respirare tanto che ha deciso di correre in ospedale. I medici le hanno riscontrato una brutta infezione ai bronchi intasati che ha causato la crisi respiratoria (a causa di una bronchite trascurata da un po’ di tempo). Justine Mattera racconta di essere rimasta in ospedale per cinque ore, anche sei medici avrebbero voluto trattenerla per 24 ore imponendole riposo assoluto.

Lei però ha firmato ed è uscita. Il motivo? Il lavoro. Justine era attesa in teatro per le prove in vista del prossimo debutto del musical Sugar in cui ricopre il ruolo da protagonista.

“Aspettavano tutti me, non potevo certo sparire così” ha detto Justine Mattera. Una vera stakanovista.

D’altra parte questo è il ruolo della vita per Justine Mattera che si cimenta nel difficile, se non impossibile, ruolo di Marilyn Monroe, nel musical ispirato alla pellicola A qualcuno piace caldo. Un ruolo inseguito da sempre da Justine Mattera, statunitense 42 anni, diventata nota un Italia proprio come sosia di Marilyn nella trasmissione di Paolo Limiti (con il quale è stata anche sposata), prima di avere anche un piccolo ruolo in Go go tales di Abel Ferrara e di sbarcare al Bagaglino…

foto Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>