Melissa Satta nega di essere la causa degli infortuni di Boateng

di Fabiana Commenta

La ex velina risponde su Twitter ai suoi detrattori smentendo categoricamente di essere la causa degli infortuni del suo compagno

I milanisti non vedono di buon occhio la relazione (stabile) fra l’attaccante Kevin Prince Boateng e la ex velina Melissa Satta. Sempre più spesso la ragazza viene accusata di essere la causa dei continui infortuni del giocatore durante il campionato di calcio.

E anche nella partita di martedì scorso, recupero di un turno di campionato, Boateng ha anche segnato un gol, secondo i tifosi Melissa distrarrebbe troppo il calciatore dalle partite.

La ex velina non ci sta e risponde alle accuse replicando direttamente dal suo profilo Twitter con toni poco cordiali: Melissa scrive che tutti quelli che la accusano di essere causa degli infortuni di Boateng “hanno rotto” e invita tutti a informarsi prima di parlare.

Melissa Satta (con Kevin Boateng) non saluta Christian Vieri al ristorante

Il gossip sulla coppia va avanti da un po’ di mesi in effetti rinforzato anche dal fatto che qualche tempo fa Melissa rivelò inavvertitamente il numero delle sue prestazioni sessuali. Dopo dopo Melissa tentò di smentire asserendo che stava promuovendo il suo ultimo programma: ormai il gossip aveva preso il sopravvento e dal quel momento in poi i milanisti si sono scatenati contro la Satta.

Stavolta, anziché twittare qualche foto sexy, Melissa ha però pensato di rispondere per le rime ai suoi detrattori. Qualche giorno fa la showgirl è stata anche protagonista di un nuovo involontario gossip: Silvia Toffanin, conduttrice di Verissimo, intervistando Bobo Vieri, ex di Melissa, ha rivelato che la ragazza sarebbe in attesa del primo bebè.

Kevin Prince Boateng bacchettato dal Milan per la relazione con Melissa Satta

Per il momento Melissa ha fatto finta di nulla, ma a dar possibile credito alle voci di una gravidanza è arrivato anche il messaggio di Elena Santarelli che si congratula con la coppia Satta-Boateng.

Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>