Sara Tommasi ricoverata controvoglia, il video girato da Gabriele Paolini

di Maris Matteucci Commenta

Sara Tommasi ricoverata controvoglia, il video girato da Gabriele Paolini

sara tommasi

La notizia del ricovero di Sara Tommasi in ospedale non era arrivata nemmeno più di tanto inaspettata. Da troppo tempo la showgirl umbra non stava bene, nonostante i buoni proprositi di ricostruire una vita sana dopo un periodo di sbando, culminato con un primo ricovero in clinica.

Quello che si era detto, però, era che Sara Tommasi si fosse fatta ricoverare tranquillamente, consapevole che l’unico modo per uscire da questa brutta situazione fosse rappresentata dall’aiuto dei medici psichiatrici che l’hanno accolta all’ospedale Sant’Andrea. Invece Gabriele Paolini, amico e collega della Tommasi (c’era anche lui tra gli attori dell’ultimo film porno girato dalla showgirl) pubblica su youtube un video nel quale si capisce che Sara Tommasi tutto voleva tranne che farsi ricoverare in ospedale.


Nel video in questione, che vi riproponiamo in questo post, si sente la voce di Sara Tommasi che chiede aiuto a Gabriele Paolini, implorandolo di riportarla a casa perché lei si sente bene. L’amico cerca di convincerla che ormai l’ambulanza è stata chiamata e che occorre andare in ospedale per fare alcuni controlli ma Sara Tommasi sembra non volerci sentire e continua a gridare “Riportami a casa”.

Il video è stato messo on line dallo stesso Gabriele Paolini che, criticato da coloro che lo hanno accusato di avere “rubato” il video approfittando dello stato mentale della Tommasi, dice di averlo fatto solo ed esclusivamente per fare conoscere la verità e per aiutare la povera Sara Tommasi, la cui salute gli starebbe particolarmente a cuore.

SARA TOMMASI DROGATA PER VIDEO PORNO, DUE ARRESTI

Il video in poco tempo ha raggiunto quasi le 40mila visite perché Sara Tommasi, purtroppo, è ancora una delle protagoniste del lato più brutto del gossip. Da troppo tempo ormai la showgirl è sulla strada della perdizione. Ecco perché il ricovero in ospedale sembrava potesse rappresentare l’unica soluzione.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>