Kate Fretti ricorda Marco Simoncelli ad un mese dalla sua morte

di Maris Matteucci Commenta

Kate Fretti torna a parlare di Marco Simoncelli

Kate Fretti torna a parlare di Marco Simoncelli, il campione di motociclismo morto lo scorso 23 ottobre mentre era in pista a Sepang, in Malesia.

Lo fa sulle pagine del settimanele Oggi che riporta la lunga intervista alla ventiduenne bergamasca che da cinque anni era al fianco di Sic, come lo chiamavano i suoi fans.


Kate Fretti accetta di parlare nuovamente di quello che è stato un dolore immenso per lei e per i familiari di Marco che troppo presto si sono visti strappare via un loro caro. E racconta che ancora oggi, ad un mese di distanza, la mancanza del suo fidanzato è fortissima. Perché di lui gli manca tutto quanto, anche i difetti che aveva e che la facevano andare su tutte le furie.

KATE FRETTI SI RACCONTA DOPO LA MORTE DI MARCO SIMONCELLI

Kate racconta che Marco aveva il vizio, mentre stava al telefono con lei, di parlare con altre persone che gli gironzolavano intorno di fatto distraendosi: una cosa che – racconta Kate per sdrammatizzare – la faceva imbestialire.

Poi la fidanzata di Marco Simoncelli confida di sentire tutti i giorni la presenza di Marco accanto a lei: per questo motivo, dice, trova la forza di andare avanti e cercare di essere ottimista: spera prima o poi che il dolore forte che la sta attanagliando adesso possa sciogliersi un domani.

LA MAGLIA DI MARCO SIMONCELLI ESPOSTA IN UNA CHIESA

Fino ai giorni seguenti alla morte del campione di MotoGp, Kate Fretti ha spesso utilizzato i social network (ai quali Sic era molto affezionato) per mantenere vivo il ricordo del suo fidanzato insieme ai suoi fans. E allo stesso modo continua a farlo adesso: per cercare di rendere quotidianamente omaggio a quello che è stata una grande persona prima che un grande pilota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>