Vittoria Puccini, con Fabrizio ho detto addio alla sindrome da crocerossina

di Emma 272 views0

Vittoria Puccini è una donna felice e per la prima volta parla apertamente della relazione con il nuovo compagno, Fabrizio Lucci. Lui potrebbe essere davvero quello giusto o quanto meno è che spera l’attrice, intervistata da Vanity Fair.

D’altra parte la bella Vittoria dice chiaramente che con il suo nuovo compagno ha finalmente detto addio alla classica sindrome da crocerossina, che pare affliggere ogni donna e soprattutto lei in particolare.

E così, dopo aver subito per anni il fascino del bello e dannato, Vittoria Puccini ammette di sentirsi finalmente sicura in una storia: merito di Fabrizio, 52 anni, direttore della fotografia, che è maturo (52 anni), posato, molto realizzato e sereno e senza ansie o frustrazioni. Insomma l’uomo ideale anche se Vittoria sa bene di volerci andare con i piedi di piombo anche considerando che c’è di mezzo la figlia (Elena, nata dalla relazione con Alessandro Preziosi).

Vittoria Puccini poi ha sempre avuto storie sentimentali alquanto burrascose: la relazione con Preziosi è nata sul set di Elisa di Rivombrosa ed è durata sette anni, fra litigi, riappacificazioni, finita per il tradimento di lui. Dopo Preziosi, la Puccini ha avuto un’altra storia alquanto complicata, un tira e molla di oltre un anno, con il collega Claudio Santamaria. Poi è arrivato Fabrizio.

VITTORIA PUCCINI E FABRIZIO LUCCI NUOVA COPPIA

L’amore fra la Puccini e Lucci è scoccato sul set della serie tv Anna Karenina, anche se solo a fine riprese, ma l’attrice ammette di essere sempre molto concentrata sul set e di evitare coinvolgimenti sentimentali durante il lavoro. La storia con Lucci va avanti dallo scorso anno e solo pochi mesi fa la coppia è stata paparazzata durante una romantica vacanza… ma se Vittoria si concentra sull’amore non dimentica certo la carriera: a breve tornerà sugli schermi cinematografici nel ruolo di Marta in Tutta colpa di Freud, l’ultimo film di Paolo Genovese.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>