Serena Enardu e Giovanni Conversano, scintille sui social

di Ma.Ma. 194 views0

Serena Enardu e Giovanni Conversano sono stati protagonisti di Uomini e Donne ormai molti anni fa: la loro storia fece innamorare ai tempi gli spettatori. Prima lei tronista e lui corteggiatore ferito dalla non scelta della sarda; quindi, dopo qualche anno, con lui sul trono, ecco Serena Enardu che a sorpresa scende le scale di Uomini e Donne e Giovanni Conversano impazzisce.

Molla le corteggiatrici lì e corre verso la sua amata. Tutto come in una favola. Ma dura poco perché insieme Serena Enardu e Giovanni Conversano durano pochissimo. E oggi a distanza di qualche anno si rendono ancora protagonisti di vere e proprie scintille. Insomma i due non si sopportano e danno dimostrazione di non avere mai risolto le loro incomprensioni.

Quanto è triste sapere che nel mondo il fuoco arde e c’è ancora un primitivo che cerca di accendere una misera fiammella

SERENA ENARDU, SENO GIGANTE: LO ODIO, SONO STATA OPERATA DUE VOLTE

scrive Serena Enardu in chiaro riferimento alle parole di Giovanni Conversano. Ma cosa aveva detto di così grave l’ex corteggiatore e poi tronista? ecco le sue parole a DiPiù:

Non puoi innamorarti di una ragazza vedendola mezz’ora al giorno. Non è possibile. Chi lo dice, mente. La nostra fu una unione dettata anche da forti interessi economici. I locali, specie le discoteche, facevano a gara per averci. C’erano vere e proprie aste. Ospitarci poteva costare anche venticinque mila euro alla volta. Se, invece, andavo nei locali da solo, costavo circa cinquemila euro. Non c’erano affinità caratteriali e non c’erano obiettivi in comune. Avevamo e volevamo due vite completamente diverse. Smettemmo di vederci quando l’interesse dei gestori per averci nei locali in coppia venne a mancare. All’improvviso non la sentii più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>