Daniel Craig definisce idiote le sorelle Kardashian

di Fabiana Commenta

L’attore inglese spara a zero contro coloro che svendono la loro privacy per denaro

Daniel Craig, alias 007, spara a zero sulle Kardashian.

L’attuale James Bond in carica, conquista la copertina di gennaio di GQ e intervistato dalla rivista, spara a zero sulla stampa, ma soprattutto sulle sorelle Kardashian (Courtney, Kim e Chloé), additandole letteralmente come vere idiote.

Insomma sarà pure inglese, ma l’attore non sembra avere esattamente l’aplomb che contraddistingue i suoi connazionali, anche se ha detto ciò che molti pensano.
Nell’intervista Craig parla dell’importanza della privacy e di come sia impossibile riconquistarla una volta persa.

E addita come esempio fatuo di gente pronta a tutto per denaro proprio le Kardashian dichiarando che le tre sorelle e tutto il loro nucleo familiare si comportano esattamente come idioti.

Ammette candidamente di giudicarle, ma in fin dei conti, che male c’è? Non ha forse ragione?

Nell’intervista l’attore difende il diritto alla sua privacy e soprattutto il suo matrimonio con l’attrice inglese Rachel Weisz (conosciuta sul set del film Dream House) sposata a sorpresa dopo soli sei mesi lo scorso giugno con una cerimonia intima e segreta a New York.

Anche l’attore è stato suo malgrado protagonista del gossip proprio per la sua storia con Rachel, uscita allo scoperto lo scorso dicembre quando la coppia è stata fotografata mentre trascorreva a sorpresa le vacanze di Natale insieme.

L’attore accusa i giornali di aver dato solo sei mesi di tempo alla sua relazione accusandoli di invadere la sua sfera privata.

E c’è da dire che il biondo Craig è sempre stato piuttosto riservato al punto tale da aver valutato anche se per poco l’idea di smettere di recitare dopo essere diventato l’oggetto del desiderio di molte donne e di essere continuamente al centro dell’attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>