George Clooney ristruttura Villa Oleandra per cancellare le tracce della Canalis

di Maris Matteucci Commenta

George Clooney ristruttura Villa Oleandra dopo che la sua fidanzata ha fatto capire di non gradire l'arredamento scelto da Elisabetta Canalis

La storia tra l’attore americano George Clooney e Stacy Keibler sembra procedere a gonfie vele, tanto che lui ha deciso di ristrutturare la sua casa sul Lago di Como, Villa Oleandra, per cancellare ogni traccia della sua ex Elisabetta Canalis.


E’ stata proprio la fidanzata dell’attore holliwoodiano a far capire che avrebbe gradito un rivoluzionamento di Villa Oleandra. Detto fatto: George ha contattato una ditta apposita per ristrutturare buona parte della casa, in particolare le camere da letto che, secondo le prime indiscrezioni, verranno completamente rifatte. Un gesto d’amore importante per lo scapolone d’oro che a quanto pare sembra essersi nuovamente innamorato, a pochi mesi dalla rottura – che ha destato grande scalpore – con la ex velina di Striscia, rimasta comunque in America a tentare fortuna. E chissà come la Canalis apprenderà la notizia: già non è stato facile ammortizzare il colpo della rottura, adesso anche l’idea che la casa dove lei e il suo ex hanno passato bei momenti venga completamente ristrutturata potrebbe lasciarle l’amaro in bocca. Ma a quanto pare di questo George Clooney non si è curato ed anzi, appena ha capito che la sua Stacy non gradiva la “mano” di Elisabetta nell’arredamento di Villa Oleandra è subito corso ai ripari. Secondo quanto rivelato da alcuni amici vicini alla coppia, l’attore americano vorrebbe trascorrere le vacanze di Natale proprio nella sua casa italiana, ecco perché i lavori di ristrutturazione sono già cominciati: entro un paio di mesi Villa Oleandra dovrà essere perfetta per accogliere la bella Stacy!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>