Giorgio Marchesi fa luce sulla sua vita sentimentale

di Maris Matteucci Commenta

Uno dei protagonisti di Una grande famiglia si racconta al settimanale Chi...

Giorgio Marchesi non è sicuramente uno dei personaggi preferiti del gossip ma la sua bravura è ormai sotto l’occhio di tutti: l’attore bergamasco è stato per esempio uno dei protagonisti della fiction di Rai 1 Una grande famiglia (dove interpretava il personaggio di Raoul Rengoni) che ha raggiunto ascolti record tanto da indurre i produttori a mettersi già in moto per la seconda stagione.

Di Giorgio Marchesi – e soprattutto della sua vita privata – si sa davvero poco ma grazie all’intervista che l’attore ha rilasciato al settimanale Chi, adesso possiamo conoscere qualcosa di più.


Intanto sulla sua vita sentimentale: l’attore è legato da otto anni all’attrice Simonetta Solder che ha conosciuto sul set dello spettacolo teatrale “Le relazioni pericolose“: con lei è stato un vero e proprio colpo di fulmine sfociato poi nella decisione di andare a convivere quasi subito. Perché, come sottolinea Giorgio Marchesi, l’idea di tornare a casa propria alle 4 di notte non aveva molto senso.

L’attore protagonista di Una grande famiglia (e lo scorso inverno di un’altra fiction di successo, Un medico in famiglia) ha anche un bambino di sei anni, Giacomo: adesso il bambino abita con la mamma in Germania, a Berlino, perché i genitori hanno deciso che imparasse anche il tedesco, contemporaneamente all’italiano.

Ma Giorgio Marchesi sottolinea che presto lui e la sua compagna dovranno prendere una decisione: “O tutti a Berlino o tutti a Roma“, considerando che per il momento l’attore bergamasco vive lontano da figlio e compagna. Intanto però si concentra sul lavoro: da poco ha cominciato le riprese della nuova stagione di Un medico in famiglia che lo vedrà ancora tra i protagonisti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>