Tom Cruise ha vietato a Katie Holmes di girare il sequel di Dawson’s Creek

di Fabiana Commenta

Secondo Us Weekly Tom Cruise vietò a Katie Holmes di girare il sequel di Dawson's Creek, la serie tv che l’aveva resa popolare

Dopo l’annuncio a sorpresa della richiesta di divorzio, Katie Holmes sembra aver recuperato il sorriso dimostrando di volersi lasciare davvero alle spalle il matrimonio con Tom Cruise.

A distanza di qualche giorno cominciano a trapelare non poche indiscrezioni sui retroscena del matrimonio e sul totale controllo di Tom nei confronti della quasi ex moglie (soprattutto per Scientology).

Sembra infatti che lo scorso anno l’attore vietò categoricamente a Katie di prendere parte al sequel di Dawson’s Creek, la serie tv che aveva reso famosa l’attrice a vent’anni. A diffondere la notizia, proprio ora in occasione del divorzio, è lo Us Weekly che riporta come i tentativi dei produttori di riportare sul set tv Katie nel ruolo di Joey Potter furono del tutto inutili.

Katie Holmes viene pedinata da Scientology

Fu Tom a vietare alla moglie di tornare sul set della serie tv, forse non abbastanza importante per un divo del suo calibro o forse per impedirle di far riemergere il suo passato.

Katie non aveva mai nascosto di essere molto legata alla serie e di essersi sempre divertita con i suoi amici di set. Sarebbe stata molto felice di girare il sequel della serie per continuare a divertirsi e per recuperare il legame con i suoi fan. Così non è stato perché secondo Tom tornare indietro si sarebbe rivelata una cattiva scelta.

Schiaffato al centro del gossip, Tom Cruise potrà almeno consolarsi con i guadagni dello scorso anno.

Katie Holmes si sfila la fede e si rimette i tacchi

Secondo la classifica annuale pubblicata da Forbes, l’attore ha incassato la bellezza di 75 milioni di dollari, confermandosi come l’attore più pagato di Hollywood.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>