I soldi di Belen finiscono in Argentina

di Dika 1

Belen Rodriguez con i soldi che ha guadagnato in Italia ha comprato una bella casa alla madre in Argentina, non solo, ma ogni mese la modella..

Non stiamo parlando di evasione fiscale o qualcosa di illegale, stiamo solo parlando di mantenimento.

Belen Rodriguez era venuta in Italia con appena 200 euro in tasca, poi però ha conosciuto Lele Mora che prima l’ha assunta come colf nella sua abitazione, poi, dopo aver ottenuto il permesso di soggiorno, la modella argentina ha iniziato a lavorare come showgirl arrivando all’Isola dei Famosi dove ha ottenuto una gran popolarità che le ha permesso di frequentare i grandi salotti dello spettacolo.



Belen Rodriguez con i soldi che ha guadagnato in Italia ha comprato una bella casa alla madre in Argentina, non solo, ma ogni mese la modella, ora anche attrice, spedisce oltreoceano la paghetta ai familiari. Belen dice di essere fiera di sè stessa per questo gesto mensile che compie. L’arte dello spedire il denaro guadagnato in Italia verso paesi lontani è un’usanza ormai consolidata da tempo e viene effettuata ormai da tutti i cittadini extracomunitari.

Chi più, chi meno, i soldi guadagnati in Italia vengono spesi fuori dal confine con un danno notevole per l’economia italiana. Ognuno è libero di spendere il proprio denaro come meglio crede, ma ogni tanto è giusto porsi dei dubbi sul metodo…voi come la pensate?

Commenti (1)

  1. Il mio parere personale è che ammiro Belen. Chi non aiuterebbe
    la propria famiglia, o comunque chi ha bisogno,se avesse uno
    stipendio milionario? Non mi è piaciuta la frase dell’articolo
    dove si parla del danno all’economia italiana…. A fare danni
    sono ben altre Persone!! non quelle che mandano i soldi alle famiglie
    per dargli una vita più dignitosa………

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>