Scarlett Johansson troppo giovane per diventare madre

di Stefania Russo Commenta

La maggior parte delle star di Hollywood sostengono di adorare i bambini e se ancora non ne hanno affermano di volerne avere..

La maggior parte delle star di Hollywood sostengono di adorare i bambini e se ancora non ne hanno affermano di volerne avere al più presto. Numerossissimi sono, inoltre, i casi in cui i propri figli sembrano non bastare e allora si ricorre all’adozione come nel caso di Madonna o Brad Pitt e Angelina Jolie che, pare, non siano ancora soddisfatti dei loro ben sette figli.

La pratica di avere una famiglia numerosa composta in parte anche da bambini adottati, nella maggior parte dei casi provenienti da paesi poveri, sembra essersi rivelata un ottimo sistema per avere una pubblicità fruttuosa e, soprattutto, gratuita.


A questo tipo di pubblicità, tuttavia, non appare affatto interessata Scarlett Johansson che ha apertamente manifestato la sua intenzione di non avere figli.

L’attrice, che ha sposato il suo collega Ryan Reynolds, ha fatto sapere che, a suo avviso, questo non è affatto il momento di avere bambini, non solo perchè l’attrice ritiene di essere troppo giovane per diventare mamma ma anche perchè ritiene che in questo momento sia molto più importante concentrarsi sulla sua carriera.


Ovviamente Scarlett non ha escluso del tutto la possibilità di avere dei figli in futuro ma, semplicemente, ora non ne vuole, non si sente pronta e, soprattutto, spera che la sua carriera continui l’andamento attuale cosicchè non ne abbia tempo.

Delle dichiarazioni di Scarlett, tuttavia, non c’è da fidarsi. La stessa attrice, infatti, alcuni mesi prima del suo matrimonio aveva categoricamente escluso l’eventualità di sposarsi perchè aveva spiegato di essere troppo giovane per la vita coniugale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>