Eleonora Abbagnato confessa di essere stata tradita

di Fabiana Commenta

L’etoile si confessa e rivela di essere stata tradita in passato

Anche una donna bellissima come Eleonora Abbagnato, ètoile dell’Opera di Parigi, è stata tradita. A confessarlo è la celebre ballerina palermitana che, intervistata dal Corriere della Sera, ha parlato dei suoi amori passati e del matrimonio con il calciatore Federico Balzaretti, da quest’anno in forza alla Roma. Eleonora Abbagnato confessa di essere sempre stata piuttosto fortunata in amore, ma di essere stata tradita in passato, un po’ come è capitato a tutte le donne, ma di non aver mai tradito…

Il suo matrimonio con Balzaretti invece va a gonfie vele: spiega che non si tratta del tipico calciatore e che di lui si fida ciecamente, anche se data la sua bellezza è corteggiato da molte donne… sfegatata wag che ha assistito a tutte le partite dell’Italia agli europei di calcio, a sorpresa Eleonora confessa anche di aver pensato in alcuni momenti di lasciare la danza classica, soprattutto in qualche periodo di forte pressione difficoltà, per dedicarsi al altro, magari il cinema o la televisione, ma si tratta solo di pensieri passeggeri perché ammette di non poter vivere senza la danza, il suo grande amore.

ELEONORA ABBAGNATO-FEDERICO BALZARETTI IN VACANZA A IBIZA

Lo scorso aprile la ballerina è tornata a Parigi per riprendere a lavorare (il contratto con l’Opera le scade fra sette anni) e adesso si divide come può fra la capitale francese e Roma portando sempre con sé la piccola Julia, nata lo scorso gennaio. Quando torna a Roma però riunisce tutta la sua famiglia con il marito Federico (sposato nel giugno 2011) e Lucrezia e Ginevra, le figlie di Balzaretti nate da una sua precedente relazione e molto legate alla ballerina.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>