Gianni Sperti arrabbiato su facebook: smettetela di insultarmi

di Maris Matteucci Commenta

Gianni Sperti chiede a coloro che non lo apprezzano di non visitare più la sua pagina internet

Gianni Sperti è persona solitamente pacata: sarà perché a Uomini e donne, dove è opinionista insieme a Tina Cipollari, di urli e litigi ne fa il pieno ogni giorno, fatto sta che nella vita reale il ballerino è sempre discreto e mai sopra le righe.

Stavolta però si è arrabbiato sul serio a causa di alcuni commenti sgradevoli ricevuti sulla sua pagina facebook che lui stesso gestisce in prima persona. Ecco che allora, contrariamente alle sue abitudini, Gianni Sperti è uscito allo scoperto per chiedere a coloro che non lo apprezzano di non guardarlo in televisione evitando possibilmente di insultarlo via computer.


Quello che non capisco è la cattiveria gratuita – si legge nel post pubblicato dal ballerino di Amici – capisco di non poter piacere a tutti ma sinceramente venirmi ad insultare la trovo una cosa infantile ed inutile. E’ molto facile parlare attraverso un pc ma anche molto pericoloso“…

L’opinionista di Uomini e donne si dice invece favorevole a ricevere critiche purché siano costruttive. E smorzando i toni, sul finire del suo intervento, invita coloro che non lo apprezzano a non guardarlo in televisione e a non visitare la sua pagina. Il ballerino continua ad essere una presenza costante nelle trasmissione di Maria De Filippi che dopo averlo inserito a Uomini e donne lo ha “portato” anche nelle sale prove di Amici dove Gianni Sperti ha potuto continuare a fare quello che è il suo vero lavoro: il ballerino.

GIANNI SPERTI VUOLE UN FIGLIO

Non molto tempo fa Gianni Sperti aveva dichiarato di volere un figlio: “Ma so che nel nostro paese adottarne uno è cosa complicatissima“, aveva subito aggiunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>