Emma Marrone e la vittoria contro il tumore all’utero

di Elena Botta Commenta

In un'intervista esclusiva rilasciata al settimanale Gioia, Emma Marrone, seconda classificata a Sanremo assieme ai Modà, racconta della sua vittoria più importante: quella contro un tumore all'utero che l'ha colpita qualche anno fa.

In un’intervista esclusiva rilasciata al settimanale Gioia, Emma Marrone, seconda classificata a Sanremo assieme ai Modà, racconta della sua vittoria più importante: quella contro un tumore all’utero che l’ha colpita qualche anno fa.
La vincitrice dell’edizione di Amici dell’anno passato dichiara che l’unica persona dello spettacolo che era a conoscenza della cosa è Maria De Filippi e che ha aspettato a dirlo per evitare di passare da vittima.



Oggi però spiega che: ” Io invece voglio testimoniar,e alle ragazze, le fan, voglio dire: non sono un mito, vivo sotto le vostre stesse nuvole. sono stata graziata e sento di dover seguire le ragazze. I loro problemi sono i miei. Hanno comprato 150mila copie dei miei dischi e non me ne interesso? Ho i loro soldi in tasca, mi ascoltano e io li devo ascoltare. Non riesco a non farlo. Leggo le loro e-mail e rispondo, a tutti. E’ il dazio che pago.”
Emma racconta poi del rapporto speciale che aveva con la nonna e di quando le diagnosticano il male; racconta della sua operazione durata sette ore, in cui le hanno tolto il tumore, riuscendo a salvarle l’utero.
La ragazza ha poi aggiunto che da quel momento è come se fosse rinata per la seconda volta e di avere una fortissima determinazione ad andare avanti e vivere al meglio la sua vita.
Sicuramente la sua forza e la sua voglia di vivere devono diventare dei modelli per tutti fan che la seguono e il fatto di aver voluto raccontare quest’esperienza così forte, rappresenta tutta la gioia e la riconoscenza che Emma ha nei confronti della vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>