Emma Marrone perdona (finalmente) Stefano e Belen

di Fabiana Commenta

La cantante assolve la coppia in attesa del primo figlio, ma non risparmia un'ultima frecciatina al suo ex...

Emma Marrone è riuscita a lasciarsi definitivamente alle spalle il suo passato?

Sembra davvero di sì stavolta, stando alle sue ultime dichiarazioni. La cantante, ospite di Silvia Toffanin a Verissimo pochi giorni fa ha perdonato Stefano De Martino e Belen Rodriguez. Emma sembra aver davvero confermato le sue intenzioni di mettere una pietra sopra al suo passato e di ricominciare.

La cantante ammette di essere stata fortunata perché ha avuto la possibilità di poter avere di meglio: adesso sembra essere tornata la Emma di sempre, solare e grintosa. Merito forse dell’amore visto che qualche tempo fa ha ammesso di aver trovato una persona che le ha fatto battere di nuovo il cuore. Non ha ancora confermato se si tratti di una vera e propria storia, ma ha ammesso di essere molto felice in questo momento. Insomma basta rancori e frecciatine, colpi bassi e piccole vendette a distanza.

Emma Marrone: Il ragazzo che mi piace non fa parte del mondo dello spettacolo

Ma sarà davvero così? L’imminente paternità del suo ex non deve essere stata facile da digerire per la cantante salentina che però sembra aver preso la notizia con un certo distacco. Pochi giorni fa proprio Stefano aveva chiesto scusa ad Emma per il modo in cui si era comportato (e per alcune sue dichiarazioni poco lusinghiere).

Insomma Emma “perdona” Stefano e Belen commentando l’arrivo del bebè visto che è finalmente riuscita a farsi una ragione del tradimento ammettendo che sono cose che possono accadere, ma alla fine ha ribadito che questa volta in un uomo cerca il cervello. Elemento di cui De Martino evidentemente non era sufficientemente fornito…

foto Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>