Chris Brown condannato per l’aggressione nei confronti di Rihanna

di Stefania Russo Commenta

Si è tenuta ieri la prima udienza del processo nei confronti di Chris Brown accusato di aver picchiato la sua ex fidanzata Rihanna..

rihanna

Si è tenuta ieri la prima udienza del processo nei confronti di Chris Brown accusato di aver picchiato la sua ex fidanzata Rihanna. Il cantante si è dichiarato colpevole per l’aggressione ma non andrà in galera visto che la procura ha chiesto per lui cinque anni di condizionale, la partecipazione a corsi contro la violenza domestica e 180 giorni di lavoro presso una comunità in Virginia.

Il cantante, inoltre, dovrà tenersi lontano da Rihanna entro un raggio di almento 50 chilometri. In occasione di speciali eventi, tuttavia, i due potranno trovarsi a non meno di dieci metri di distanza l’uno dall’altro contrariamente a quanto richiesto dall’avvocato della cantante secondo il quale i due non dovevano trovarsi contemporaneamente nello stesso posto.


Se Chris violerà queste disposizioni verrà rinchiuso in carcere per quattro anni. La sentenza definitiva è attesa per il prossimo 5 Agosto.

chris-brown


Rihanna era presente in tribunale perchè chiamata a testimoniare e, come si vede dalla foto, indossava un elegante e sobrio vestito nero. La cantante era accompagnata da alcuni membri della sua famiglia che erano seduti proprio accanto a lei.

Chris, invece, indossava un abito chiaro, camicia bianca e cravatta e nonostante sia riuscito a scampare il carcere la sua espressione era tutt’altro che serena, visto che per tutta la durata dell’udienza ha avuto lo sguardo puntato verso il basso.

Subito dopo che Chris è stato portato via dall’aula Rihanna si è avvicinata al giudice che le ha spiegato tutti i dettagli della misura cautelare imposta al suo aggressore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>