Taylor Swift vince gli American Music Awards

di Maris Matteucci 1

Taylor Swift trionfa negli American Music Awards di Los Angeles

E’ Taylor Swift a trionfare negli American Music Awards di Los Angeles: la cantante statunitense ha vinto tre riconoscimenti – migliore interprete femminile country, miglior album country con il suo Speak Now e artista dell’anno – piazzandosi davanti ad artiste del calibro di Katy Perry, Rihanna, Beyonce e Adele.


Per la giovanissima Taylor Swift (23 anni ancora da compiere) la vittoria in una manifestazione così importante come gli American Music Awards ha significato tantissimo. Visibilmente emozionata, alla fine delle premiazione, ha affermato di stare vivendo una delle cose più belle che mai le siano capitate nella vita. D’altronde il suo debutto sulla scena musicale è piuttosto recente: era il 2006 quando la Swift ha lanciato il suo primo singolo intitolato Tim McGraw e che di fatto ha preceduto l’uscita del suo primo album – Taylors Swift – che conteneva cinque brani rimasti in classifica per oltre 81 settimane.

Soltanto nel 2009 Taylor Swift è stata la prima cantantautrice country a registrare 2 milioni di download da iTunes per tre diverse canzoni. Una carriera, insomma, cominciata con il botto per la giovane cantante e cantautrice che vive per la musica: “Canto da quando avevo dieci anni” ha detto in una recente intervista ad un magazine americano. E la sua passione per la musica si è tradotta anche nello scrivere testi.

IL LOOK DI TAYLOR SWIFT

Dopo la prestigiosa vittoria negli American Music Awards per Taylors Swift non è ancora finita: il 30 novembre, infatti, saranno annunciati i nominati della prossima edizione dei Grammy Awards nei quali la giovane cantautrice americana si appresta ad essere ancora protagonista.

Commenti (1)

  1. Davvero bellissima….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>