Vasco vs Ligabue secondo round

di Dika 1

Vasco Rossi che è uscito da poco dall'ospedale per una costola fratturata, continua a fare dichiarazioni su Facebook in cui racconta della sua depressione e poi ritratta, dopo le critiche che gli sono state mosse.

Vasco Rossi che è uscito da poco dall’ospedale per una costola fratturata, continua a fare dichiarazioni su Facebook in cui racconta della sua depressione e poi ritratta, dopo le critiche che gli sono state mosse.


Infatti qualche giorno fa il cantante di Zocca aveva dichiarato di sofrire di depressione dal 2001, ma poi nei giorni successivi ha ritrattato, dicendo che si tratta di male di vivere e che questa condizione gli ha permesso di scrivere musica negli ultimi anni.

Su Facebook ha poi postato uno stralcio dell’intervista che gli ha fatto l’amico Red Ronnie che andrà in onda a settembre, in cui tra le altre cose, ha colto l’occasione per criticare ancora una volta Ligabue, suo acerrimo nemico.

Infatti Red Ronnie ha chiesto al cantante come mai abbia postato sul social nwtwork che Ligabue per poter confrontarsi con lui deve ancora mangiare molta polenta e Vasco, facendo un po’ il finto tonto ha risposto che lui non avrebbe mai scritto un’ovvietà così banale e ha poi aggiunto che Ligabue è come un bicchiere di talento in un mare di presunzione.

Poi, come per giustificazione di queste dichiarazioni, dice che spesso sono i giornalisti che travisano le sue parole, come ad esempio il fatto riguardante la sua depressione: li sostiene infatti di aver detto di averne sofferto nel 2001 e che oggi ne è uscito, mentre i giornalisti hanno detto che è in preda ancora oggi ad una forte depressione e una dipendenza da psicofarmaci.

Commenti (1)

  1. Credo che Vasco dovrebbe iniziare a fare un bel bagno di umiltà,non vorrei dire ma…
    Senza offesa per tutti quelli che seguono Vasco,a volte le sue parole sono troppo pesanti. E non hanno fondamenta.
    Lui è UNA delle grandi stelle del rock italiano. Questo senza dubbio. Ma non ha il diritto di credersi il migliore. E di farlo con tanta sfrontatezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>