Alberto di Monaco ha altri due figli segreti

di Cristina Baruffi Commenta

Charlene Wittstock avrebbe scoperto a pochi giorni dalle nozze la nascita di altri due figli illegittimi di Alberto di Monaco...

Qualche giorno fa L’Express aveva annunciato con entusiasmo il tentativo di fuga della ex nuotatrice sudafricana Charlene Wittstock a pochi giorni dalle nozze con il principe Alberto di Monaco.
Rumors raccontano che la futura sposa avrebbe cercato di prendere un biglietto di sola andata per il suo Paese nativo, dopo aver scoperto che il principe monegasco ha altri due figli illegittimi.

Queste fonti hanno anche detto che l’ex sportiva è stata bloccata all’aeroporto di Nizza e ricondotta indietro quasi con la forza, visto che voleva scaricare senza troppi complimenti quello che molte definiscono “lo scapolo d’oro“.
L’ufficio stampa dei Grimaldi ha fatto sapere che si tratta solo di un tentativo per ledere la credibilità del sovrano e della signorina Wittstock, ma in rete c’è chi giura che oggi potrebbe esserci una sposa in fuga!

SCOPRI GLI INVITATI AL MATRIMONIO DI ALBERTO DI MONACO E CHARLENE WITTSTOCK

Che il principe monegasco sia un donnaiolo non è una novità per nessuno, infatti è già padre di Jazmin-Grace, nata nel 1992 dalla relazione con la californiana Tamara Rotolo e Alexander, nato nel 2003 dal flirt con l’hostess di Air France Nicole Coste, ma secondo L’Express la bella Charlene avrebbe scoperto la nascita di un nuovo figlio nato 2 anni fa e un nuovo pargolo nato poche settimane fa. La casa reale non ha sporto denuncia contro il giornale che ha pubblicato la notizia e questa potrebbe essere la prova di un reale tradimento, in ogni caso la cerimonia verrà celebrata oggi alle 17 con rito civile e domani con quello religioso, quindi non resta che aspettare poche ore per capire come andrà a finire questa vicenda…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>