Marina Ripa Di Meana accusa la figlia Lucrezia Lante Della Rovere di essersi inventata il flirt a Ballando con le stelle 8

di Maris Matteucci Commenta

Marina Ripa Di Meana attacca Lucrezia Lante Della Rovere per la storia con Simone Di Pasquale

L’amore scoppiato tra Lucrezia Lante della Rovere e Simone Di Pasquale non è andato giù a Marina Ripa Di Meana che dell’attrice concorrente di Ballando con le stelle 8 è la madre.

In una intervista a Top, la stilista italiana critica la figlia per aver scelto di flirtare con il ballerino professionista durante la sua avventura nel talent condotto da Milly Carlucci.


Io mi sarei proprio risparmiata l’amorazzo con il maestro di ballo“, rivela. Aggiungendo poi che non crede assolutamente a questo amore nato tra i banchi di scuola e pensa invece che Lucrezia Lante Della Rovere si sia resa protagonista di una mossa pubblicitaria. “Ho le mie buone ragioni per pensarlo“, sottolinea.

LUCREZIA LANTE DELLA ROVERE INDOSSA UNA GUAINA CONTENITIVA A BALLANDO CON LE STELLE 8

Accuse pesanti, insomma, verso l’attrice soprattutto riflettendo sul fatto che queste accuse arrivano addirittura dalla madre. Marina Ripa Di Meana rincara la dose: “Nella vita ci si può inventare di tutto tranne gli amori, questa cosa iniziata guarda caso proprio alla vigilia della fase finale del programma è una robetta che non capisco“. La stilista poi dice che comunque, l’invenzione di questo amore,pur non avando portato alla vittoria del programma potrà sicuramente avere un seguito. Come dire insomma che l’attrice, grazie all’ammissione della storia con Simone Di Pasquale, potrà farsi qualche copertina.

Infine, la mamma di Lucrezia Lante Della Rovere dice di non aver niente, personalmente, con Simone Di Pasquale che anzi gli sembra un ragazzo in gamba e intelligente, almeno per quel poco che ha conosciuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>