Aldo Grasso critica Alessia Marcuzzi e il Grande Fratello

di Maris Matteucci Commenta

Aldo Grasso è andato giù pesante contro Alessia Marcuzzi e il Grande Fratello

Non c’è che dire: il gossip di questa settimana è letteralmente dominato da Alessia Marcuzzi e il suo Grande Fratello. Dopo la puntata di lunedì sera nella quale è successo di tutto, la presentatrice romana e il suo reality sono infatti nell’occhio del ciclone.

Prima Alessia Marcuzzi è stata criticata per il comportamento tenuto nella diretta di lunedì contro alcuni concorrenti, in particolare Rudolf Mernone ed Amedeo Aterrano; quindi, giusto ieri, sul web ha preso piede la voce secondo cui la presentatrice del Gf dopo la diretta sarebbe entrata nella casa (vietando il regolamento del gioco) per parlare con i ragazzi.


Adesso è Aldo Grasso a rincarare la dose. Sul corriere.it il giornalista e critico televisivo spara dritto su Alessia Marcuzzi che considera troppo fragile ed inadeguata a presentare un programma come il Grande Fratello. La conduttrice, secondo Aldo Grasso, pensa più a mostrare i suoi mini-vestiti che a dire cose giuste. E come se non bastasse Alessia Marcuzzi non sarebbe aiutata dalla sua spalla Alfonso Signorini che ormai si è calato nelle vesti del moralista a tutti i costi, decisamente stridenti con quello che invece dovrebbe essere il suo ruolo.

ALESSIA MARCUZZI ENTRATA NELLA CASA DEL GF DOPO LA DIRETTA DI LUNEDI’

Ma le critiche di Aldo Grasso non si fermano ad Alessia Marcuzzi. Perché ad essere sotto accusa sono anche gli autori. Sono loro, sempre secondo il critico tv, a scegliere male i protagonisti. In effetti, in questa edizione, sono già tre i concorrenti che hanno volutamente abbandonato il gioco. Insomma una edizione tutta da rifare secondo Aldo Grasso, in assoluto la peggiore della storie del Gf. E voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>