Katia Pedrotti: il nome dato a mio figlio Tancredi non mi piace

di Maris Matteucci Commenta

Katia Pedrotti confessa che il nome Tancredi, scelto per suo figlio dal marito Ascanio, non le piace

Da pochissimo Katia Pedrotti è diventata mamma bis: a fine febbraio, infatti, la ex gieffina ha dato alla luce Tancredi, il secondogenito della famiglia Pedrotti-Pacelli dopo Matilda che oggi ha cinque anni.

Al settimanale Visto, Katia Pedrotti racconta però che il nome dato al suo primo figlio maschio – Tancredi, appunto – non le piace molto. Lo ha scelto Ascanio ma lei fin da ultimo ha sperato che il marito potesse optare per qualcosa di un po’ meno impegnativo.


Invece così non è stato e al piccolo è stato dato il nome di Tancredi: “Sono sincera: non è il mio nome preferito – dice una Katia Pedrotti al settimo cielo per la seconda esperienza da mamma – ma del resto da un Ascanio non poteva nascere un… Gino. Quando lo guardo, così piccolo, trovo strano chiamarlo con un nome altisonante: fino alla fine ho detto ad Ascanio che avrei preferito un’altra opzione e lasciavo a lui la scelta. Ho ceduto al compromesso per fargli un regalo“.

KATIA PEDROTTI RACCONTA LA SUA GRAVIDANZA


Le fa eco Ascanio che si prende tutte le responsabilità sulla scelta del nome spiegando come in realtà la sua prima scelta sarebbe stata Santiago. Un avvenimento, però, ha cambiato la sua idea: “La storia del nome è lunga – racconta il romano -, a me piaceva tantissimo il nome Santiago, ma quando Belen è rimasta incinta e ha dichiarato che suo figlio si sarebbe chiamato così, ho abbandonato l’idea. Allora ho ripiegato su Tancredi, che mi piace ugualmente“. Tancredi è nato con il parto cesareo, così come era stato per Matilda. E dopo pochi giorni la neo mamma era già in forma. Adesso, come tutte le donne alle prese con più bambini, la cosa più difficile è fare incastrare i bisogni di Tancredi con quelli di Matilda: “Ma al di là di questo è tutto perfetto”, dice Katia. Auguri!

foto facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>