Carla Bruni presa in giro sui social network

di Fabiana Commenta

La ex premiere dame viene massacrata in rete: in molti scommettono sul divorzio da Sarkozy dopo il risultato elettorale

Carla Bruni non è mai stata molto amata come premiere dame francese e il giorno successivo alla pesante sconfitta elettorale del consorte Nicolas Sarkozy viene immediatamente presa di mira da tutti i social network che, senza usare mezzi termini, la massacrano.

L’ironia corre sul web e in molti si chiedono quanto tempo ancora durerà il matrimonio di Carla con Sarkozy, ora che sarà costretta a lasciare l’Eliseo.

Il divorzio potrebbe arrivare entro un anno visto che ora Carla è alla ricerca di un nuovo presidente: su Twitter si rincorrono commenti maligni che vedrebbero la ex top model cercare di insidiare il nuovo presidente francese Francois Hollande.

D’altra parte dovrà pur fare qualcosa per mantenere alto il suo target sociale e puntare al nuovo presidente potrebbe essere la scelta giusta. Insomma Twitter è pronto a massacrare la ex premiere dame accusandola tutto sommato di essere snob, antipatica e opportunista.

Carla Bruni prime foto con Giulia e Nicolas Sarkozy

Quando saltò fuori la storia con Sarkozy, poco tempo dopo lui vinse le elezioni e Carla è stata la prima premiere dame a diventare mamma all’Eliseo, detenendo comunque un record. E ora che la carriera di Sarkò diventa in discesa, Carla potrebbe decidere di puntare altrove.

Ieri la ex top model si è presentata a votare nel ricco quartiere parigino con un look casual chic e il fatto che ha dimenticato addirittura al seggio il proprio documento, la diceva lunga sulla sua preoccupazione, che si è rivelata fondata.

Nel corso degli anni di permanenza al’Eliseo, la Bruni è stata spesso il bersaglio di quanti hanno notato un uso spropositato di botox che le ha, e non poco, alterato lo sguardo e i lineamenti.

Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>