Gisele Bundchen propone una legge universale

di Stefania Russo Commenta

Nel vedere le foto che mostrano il fisico perfetto di Gisele Bundchen sette mesi dopo il parto si direbbe che la modella non sia una donna..

Nel vedere le foto che mostrano il fisico perfetto di Gisele Bundchen sette mesi dopo il parto si direbbe che la modella non sia una donna come tutte le altre ma più un extraterrestre, visto che il suo fisico sembra non aver risentito affatto della gravidanza. A rincuorare le comuni mortali arriva però un’intervista che dimostra come, almeno per certi aspetti, la modella sia uguale alla maggior parte delle altre madri del pianeta.

Nel corso dell’intervista, infatti, la modella ha spiegato di non riuscire a capire come facciano alcune madri a decidere di non allattare il proprio bambino, ritiene assurdo che nonostante ci sia la possibilità alcune mamme decidono di nutrire il proprio bambino con alimenti chimici, nonostante siano piccolissimi.


Per questo motivo la modella propone una legge universale che imponga a tutte le madri di allattare il proprio bambino per almeno sei mesi, ovviamente nei casi in cui ci sia la possibilità di farlo.

La modella, come già noto, ha scelto di partorire il suo bambino in casa e non ha pensato neanche un attimo di dare alla luce il suo primogenito ricorrendo al parto cesareo o a metodi volti a ridurre il dolore, ha sempre pensato che siccome miliardi di donne al mondo hanno partorito un figlio poteva farlo anche lei.

Ha spiegato di essersi preparata al parto facendo yoga e meditazione fino alla fine del termine e quando è arrivato il momento di partorire non ha pensato che qualcuno aveva il compito di tirar fuori il bambino ma che lei doveva usare tutte le sue forze per farlo. Il risultato? Il parto è andato bene, mamma e bimbo stanno benissimo e lei, dopo poche ore, si è alzata dal letto e ha preparato delle frittelle!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>