Paola Perego spiega perché ha rifiutato la conduzione dell’Isola dei Famosi

di Maris Matteucci Commenta

Paola Perego si racconta in una intervista rilasciata a Tv Sorrisi e Canzoni

Per qualche tempo Paola Perego era stata tra le principali indiziate per la conduzione dell’Isola dei Famosi, il reality di Rai 2 orfano, da quest’anno, di Simona Ventura (passata non senza polemiche a Sky).

E così adesso – a distanza di qualche tempo – la conduttrice spiega il perché di quel rifiuto.


In una intervista rilasciata al settimanale Tv Sorrisi e Canzoni, Paola Perego spiega di aver rifiutato perché in disaccordo con il taglio ironico che gli autori del programma volevano dare alla prossima edizione del reality. La possibile conduzione al fianco di Nicola Savino, ex presentatore comico di Colorado, non l’ha insomma entusiasmata. Perché l’Isola dei Famosi, e in generale tutti i reality, a detta della presentatrice dovrebbero essere più liturgici.

Quindi niente da fare, la bella presentatrice ha preferito rifiutare quella che per lei poteva rappresentare una ottima possibilità. La conduzione del reality più famoso di Rai 2 sarà dunque affidata alla inedita coppia formata da Nicola Savino (che già l’anno scorso aveva presentato per qualche puntata, complice lo sbarco di Simona Ventura sull’Isola) e Vladimir Luxuria (che l’Isola dei Famosi l’ha vinta nel 2008, nell’edizione che ha portato alla ribalta Belen Rodriguez che fino ad allora era semi-sconosciuta).

Paola Perego poi afferma che mai sarebbe capace di affrontare l’Isola dei Famosi come concorrente perché le abitudini alimentari “sregolate” alle quali sono sottoposti i naufraghi del reality di Rai 2 sarebbero inaccettabli. “Mangiano un pugno di riso al giorno quando va bene e io ci tengo alla mia salute”, ha detto. Insomma un rifiuto dell’Isola a 360 gradi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>