Rosita Celentano difende il padre Adriano Celentano

di Fabiana Commenta

La figlia del Molleggiato ha orgogliosamente difeso lo show di papà Adriano a Sanremo accusando i media di ipocrisia

Ospite del Chiambretti sunday night andato in onda domenica 19 febbraio, Rosita Celentano ha difeso a spada tratta il celebre padre Adriano.

Prima di lei sono entrate in studio Melissa Satta in minidress e tacchi vertiginosi che ha cercato di spegnere il gossip relativo alla sua vita sessuale, attribuendo le sue affermazioni al lancio pubblicitario del suo nuovo programma, Amici di letto.

Dopo di lei l’attrice Cristiana Capotondi ha giustificato le sue foto sexy pubblicate qualche anno dalla rivista Max e poi ecco arrivare finalmente Rosita Celentano, che, entrata in studio con un nuovo taglio di capelli, un lungo abito e una scollatura audace che ha catalizzato l’attenzione, ha subito difeso con orgoglio lo show di Adriano Celentano che ha travolto il Festival di Sanremo fin dalla prima serata.

Rosita ha sottolineato che il padre in realtà ha sempre pensato ciò che ha detto chiaramente a Sanremo e allora perché tanta ipocrisia?

I discorsi di Adriano vengono percepiti come prediche, ma in realtà di tratta semplicemente di pensieri, condivisibili o meno.

Rosita difende l’integrità morale e l’onestà del padre che con il suo atteggiamento mira soprattutto a sensibilizzare le persone. Ma d’altra parte papà Adriano ha talmente tanti hobby che farebbe anche a meno delle poche apparizioni televisive che fa.

Ma d’altra parte Rosita aveva già difeso il padre pochi giorni fa dai microfoni di Radio Monte Carlo non capacitandosi dell’ipocrisia dei media che ancora fingono di stupirsi e di meravigliarsi del fenomeno Celentano.

Quel che è certo è che volente o nolente l’edizione 2012 del Festival di Sanremo sarà ricordata solo ed esclusivamente proprio per la presenza di Adriano Celentano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>