Vanessa Incontrada Vs truccatrici Mediaset

di Cristina Baruffi Commenta

Dopo le dichiarazioni di Vanessa Incontrada a Vanity Fair, i vertici Mediaset e le truccatrici sono arrabbiate con la presentatrice spagnola...

Vanessa Incontrada ha rilasciato un’intervista in cui accusava lo staff femminile di Zelig di averle fatto molte pressioni durante la gravidanza e nel periodo successivo alla nascita del figlio, ma a quanto pare si tratterebbero di accuse infondate visto che alcune settimane dopo è intervenuta anche Paola Cortellesi su questo argomento.

L’attrice comica, reduce dal successo ottenuto nella conduzione dello show, ha parlato di un ambiente sereno specificando che esclude categoricamente che ci siano state pressioni sia sulla maternità che sul peso dell’Incontrada. Teresa Mannino, altro volto storico di Zelig, afferma di non essere mai stata vittima di maschilismo, rivelando che le donne sono state spesso più coccolate perché in minoranza numerica e perché più esposte mediaticamente.
La Mannino è certa che Vanessa abbia sviluppato durante il periodo post gravidanza una sensibilità particolare, soprattutto dopo che molti giornalisti le hanno fatto notare di aver preso molti chili dopo la nascita del piccolo Isal.

VANESSA INCONTRADA VITTIMA DELL’INVIDIA

Katia e Valeria dicono che la gravidanza di Vanessa non è mai stata vista come un ostacolo per il programma televisivo e che nessuno si è mai permesso di fare battute riguardo il suo aspetto fisico, quindi a questo punto ci chiediamo: Ma chi dice la verità?
Il dubbio rimarrà, ma Chi fa sapere che dopo l’intervista rilasciata a Vanity Fair i vertici Mediaset sono imbufaliti con la presentatrice e che anche le truccatrici non fanno che ripetere frasi come:”Ma chi si crede di essere Vanessa Incontrada?“…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>