Aida Yespica confessa di aver sofferto di depressione

di Stefania Russo Commenta

La bella showgirl venezuelana Aida Yespica ha rilasciato un'intervista al settimanale "Di Più" in cui vengono confermate tutte le..

1

La bella showgirl venezuelana Aida Yespica ha rilasciato un’intervista al settimanale Di Più in cui vengono confermate tutte le voci che si sono susseguite negli ultimi mesi e che riguardano la fine della sua storia con il calciatore Matteo Ferrari.

La Yespica, in particolare, durante l’intervista ha rivelato di aver sofferto di depressione durante la gravidanza e anche dopo la nascita di suo figlio Aron, una depressione che la portava ad essere felice e serena in alcuni momenti e triste e vuota in altri, alcune volte si ritrovava addirittura a piangere per ore senza capire neanche il perchè di quelle lacrime.


Sbalzi d’umore che il suo compagno Matteo Ferrari non comprendeva e per questo la sua depressione era motivo di liti frequenti e anche piuttosto accese.


A questo poi bisogna aggiungere che la loro relazione era già in crisi e quindi le liti causate dagli sbalzi d’umore sono stati la goccia che ha fatto traboccare il vaso. L’amore è svanito completamente e i due si sono traditi a vicenda e ora l’unica cosa che li lega è l’amore per loro figlio Aron.

Proprio per il suo bene i due hanno cercato di rimettere le cose a posto, ma è stato tutto inutile. Aida si è detta molto triste ma ora la depressione non centra più, è triste semplicemente perchè le cose non sono andate come voleva che andassero.

Nei confronti del suo ormai ex compagno la Yespica spende parole piouttosto dure, definendolo come una persona che non la merita e per questo non vale assolutamente la pena di stare male, è meglio lasciare perdere e ricominciare a vivere e la forza per fare tutto questo viene da suo figlio Aron.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>