Christiane Mirò è una bellezza tutta miele Ambrosoli

di Redazione Commenta

Il cambio del cognome è stato un consiglio di suo padre che non voleva buttare fango sull'azienda di famiglia considerato l'atteggiamento..

Nella foto apparsa su Diva e Donna, Christiane Mirò appare in una versione super sexy. Il programma Tamarreide su Italia 1 ha appena chiuso e ora tutti i tamarri stanno cercando un po’ di popolarità anche se la Mirò era già famosa, non tanto per la sua persona, quanto per il suo vero cognome. Christiane in realtà si chiama Cristina Ambrosoli, è di Milano e fa parte della famiglia aristocratica che produce miele ormai da diverse generazioni.

Il cambio del cognome è stato un consiglio di suo padre che non voleva buttare fango sull’azienda di famiglia considerato l’atteggiamento libertino della cara Cristina.


Cristina, a 14 anni, è scappata dal collegio fingendosi incinta per poi trasferirsi da sola a Miami dove ha provato la cocaina e si è messa insieme ad un ragazzo di 24 anni. Ora che di anni ne ha 19 Crisitina Ambrosoli dice di spendere almeno 200 euro al giorno ovvero 6 mila euro ogni mese. I soldi quindi non le mancano, ma preferirebbe sfondare nel mondo dello spettacolo piuttosto che lavorare tra caramelle e vasetti di miele. Prima di andare a Tamarreide Christiane Mirò aveva provato con il Grande Fratello senza però riuscirci.

Coi genitori il rapporto è un po’ travagliato, con la madre litiga spesso e col padre ora va un po’ meglio al punto da accorgersi di avere dato troppo poco affetto alla figlia che voleva andare in televisione a tutti i costi. Per Cristina il suo cognome è solo un cognome, non significa avere dei meriti..i meriti non sono suoi, ma sono dei parenti che hanno creato il marchio diversi anni or sono in provincia di Como.

Christiane Mirò conferma che una sera durante il programma c’è stato uno scambio di coppia, ma si giustifica dicendo di essere stata un po’ ubriaca..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>