Elisabetta Canalis difende la sua magrezza su Twitter

di Maris Matteucci Commenta

Elisabetta Canalis dice di mangiare molto ma di non prendere nemmeno un etto

Elisabetta Canalis torna a difendersi su Twitter, così come aveva fatto qualche mese fa quando dopo la fine della relazione con George Clooney avevano detto di lei che fosse depressa e quasi anoressica.

E ancora una volta la troppa magrezza è il motivo per il quale la showgirl sarda è tornata a dire la sua sul famoso social network. Dicendo che lei mangia moltissimo, quasi più di un uomo, ma che per sua (s)fortuna non riesce a prendere nemmeno mezzo etto.


Molte donne probabilmente vorrebbero essere come lei, a patto che quanto affermato dalla bella Elisabetta corrisponda a verità. Se stessimo a sentire tutte le affermazioni fatte da donne dello spettacolo che vantano un fisico super, infatti, dovremmo credere che nessuna faccia mai sacrifici per mantenre una linea perfetta. Non parlano infatti mai di diete, di palestra, di sacrifici: “E’ il metabolismo”, dicono tutte, ringraziando madre natura per aver ricevuto in dono un fisico perfetto che non ha bisogno nemmeno di essere curato.

ELISABETTA CANALIS SI ARRABBIA SU TWITTER

Ed insomma Elisabetta Canalis potrebbe appartenere alla categoria sopra descritta. O forse no. Fatto sta che la ex velina di Striscia la notizia, che negli ultimi mesi è visibilmente dimagrita, dice di non essere una ragazza “fissata” con la dieta e con l’essere magra.

Questa estate era stata spesso fotografata mentre per le strade di Los Angeles faceva jogging strizzata in un mini-top che metteva in evidenza i suoi addominali eccessivamente scolpiti e le sue braccia magrissime.

ELISABETTA CANALIS MAGRISSIMA

Ma a quanto pare, stando a quanto dichiarato da Elisabetta Canalis, anche per lei è questione di costituzione e metabolismo…

foto LaPresse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>