Melissa Satta, bufera sulla sua pagina facebook

di Maris Matteucci Commenta

Melissa Satta, bufera sulla sua pagina facebook: si chiede rispetto

Qualche incomprensione di troppo tra Melissa Satta e i suoi fans ed ecco che allora scendono in campo gli amministratori della pagina facebook della showgirl sarda che chiedono rispetto e invitano tutti a moderare i toni e i contenuti dei messaggi lasciati in bacheca.

Secondo i moderatori della pagina facebook di Melissa Satta, insomma, alcuni fans sarebbero utilizzerebbero termini volgari e poco rispettosi verso la fidanzata di Kevin Prince Boateng che, ovviamente, non sarebbe troppo felice della cosa (e come darle torto).


Moderare i termini, insomma: questo viene chiesto dalla pagina di Melissa Satta con poche righe particolarmente chiare: “Volevo chiedere a tutti quanti di avere un pò più RISPETTO per Melissa che è, prima di tutto, un essere umano come tutti noi. Il fatto che lavori nel mondo dello spettacolo non dà diritto a NESSUNO di usare certe parole, anche se con l’intento di fare un complimento, nei suoi confronti. Certi commenti non si possono proprio leggere!!! D’ora in avanti verranno eliminati tutti i commenti all’interno dei quali siano presenti espressioni volgari o comunque “poco carine” anche se, ripeto, usate per farle un complimento. Sono certa che saprete trovare dei sinonimi decisamente più rispettosi. Grazie“.

MELISSA SATTA, LOOK ALTERNATIVO A MILANO

Evidentemente la bella Melissa sortisce strani effetti nei fans che non si peritano a lasciarle commenti hot in bacheca. Ma il fatto che Melissa Satta sia senza dubbio una tra le più belle donne del mondo dello spettacolo non autorizza nessuno a trattarla con modi poco carini. In attesa che i suoi fans si diano un contegno, la sarda può consolarsi con il fidanzato Kevin Prince Boateng con il quale le cose vanno a gonfie vele. Recentemente la ex velina ha detto di essere molto innamorata e di pensare spesso ad una famiglia con il rossonero. Non nel 2013, però, come in molti si erano augurati.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>