Terry Schiavo presenta il suo primo libro intitolato “Volevo ballare il Bunga Bunga anch’io”

di Maris Matteucci Commenta

Terry Schiavo ha fatto da poco uscire il suo primo libro intitolato "Volevo ballare il Bunga Bunga anch'io"

Dal mondo dello spettacolo a quello dell’editoria il passo è breve. Terry Schiavo da pochi giorni ha fatto uscire il suo primo libro “Volevo ballare il Bunga Bunga anch’io. Considerazioni semiserie di una showgirl“, nato dal bisogno di portare alla luce una questione fondamentale: ognuno può scegliere la propria strada, nella vita di tutti i giorni come nel mondo dello spettacolo, senza bisogno di ricorrere per forza di cose a raccomandazioni.


L’entusiasmo con il quale la showgirl presenta il suo libro è la cosa che sicuramente colpisce di più. “E’ bello credere in quello che si fa e portare avanti con passione i propri interessi“, ci racconta nella sua pausa pranzo. E la voglia di scrivere un libro, Terry Schiavo, ce l’aveva già da molto tempo (“Ho sempre avuto la passione per la scrittura: da piccola affidavo tutti i miei segreti al diario e qualche anno fa ho deciso di prendere il tesserino di giornalista“), solo che era in attesa di qualcosa – o di qualcuno – che le facesse scattare la famosa “molla”. Trovata una mattina, per caso, quando arrivata nello spogliatoio della palestra ha incontrato Nicole Minetti: “Quella mattina ho capito che avrei dovuto cominciare a mettere nero su bianco quello che in realtà mi passava per la testa già da molti anni. Sì, Nicole Minetti è stata in questo senso la mia musa ispiratrice anche se i rapporti con lei sono iniziati e finiti nello spazio di una dedica“.

Volevo ballare il Bunga Bunga anch’io” è un libro che vuole raccontare in modo ironico tutto ciò che da sempre succede nel dorato mondo dello spettacolo in cui Terry Schiavo ha fatto per la prima volta capolino negli anni ’90. “In modo ironico“, sottolinea l’autrice che poi ribadisce quanto sia importante, nella vita, saper ridere di ciò che ci accade senza prendersi troppo sul serio. “Sono sempre stata sufficientemente auto-ironica, spesso sono la prima a prendermi in giro e a ridere delle mie magagne. La vita altrimenti sarebbe troppo dura“. E come darle torto.

Nel libro, l’attrice (che ha da poco inciso anche un singolo) parla della sua esperienza nel mondo dello spettacolo, della sua storia d’amore con Marco Columbro, delle proposte indecenti che ha ricevuto in carriera, puntando il dito contro la mercificazione della donna. “Ho sentito il bisogno di parlarne perché è un tema ancora oggi di attualità: va bene giocare con il proprio corpo ma bisogna sempre ricordare che dietro c’è sempre un’anima. E comunque credo profondamente che, alla fine, nel mondo dello spettacolo vada avanti chi è professionale“. Come dire che tutte coloro che arrivano in televisione passando per scorciatoie poi alla fine si perdono per strada.

Oggi Terry Schiavo è una donna diversa da quella ventiquattrenne armata di belle speranze che si affacciava negli anni ’90 in questo mondo: “Oggi credo che sia più giusto centellinare le uscite piuttosto che andare in video a parlare di niente“, racconta prima di annunciare la parte del libro su quello che lei stessa definisce “l’unico vero uomo dei desideri” ovvero Silvio Berlusconi: “Devo dire che sono una che sogna tantissimo, mi porto a letto il quotidiano. Nel periodo in cui l’ex premier era nell’occhio del ciclone mi è capitato di sognarlo“.

Ma Terry Schiavo è un fiume in piena. Il libro è appena uscito e lei già ha concluso un altro lavoro, l’incisione di un singolo intitolato “Like a diva” che sarà presentato a maggio in esclusiva con un grande party in un locale di Milano. Un singolo nato dalla collaborazione con due giovanissimi musicisti – Vale De Vito e Christian Bendotti – con i quali la showgirl conta di lavorare anche in futuro. “Sono due ragazzi di appena 25 anni, musicisti di professione, che si danno da fare per realizzare i propri sogni: questo è ammirevole“. Anche il singolo porta con sé un titolo alquanto ironico. “Interpreto una donna disposta a tutto pur di avere una vita fatta di regali e cose materiali“. “Like a diva” è insomma una evoluzione naturale del libro nella cui introduzione, sempre in linea con il tema “diva”, Terry Schiavo si definisce ironicamente una superstar: “Perché vivere da superstar significa essere protagonisti della nostra vita…“.

Ph. Alex Fiumara
Make Up Franca Nervei
Back stage L. Castronuovo
Art Director Giorgio Angioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>