Flavio Briatore e la pizza che fa discutere

di Gio Tuzzi 802 views0

È da circa un mese che il noto imprenditore Flavio Briatore ha aperto una sua catena di pizzerie, per ore situate solo a Porto Cervo, Londra e Monte Carlo. Il motivo del perché è situato in città dal costo della vita abbastanza elevato? Beh per poter mettere la pizza margherita al costo di 25€ (non è un errore di battitura, avete letto bene) e diciamo che anche il nome di “Crazy Pizza” ci sta tutto.

Prima di lui solo un altro noto personaggio, nonché famoso Chef in Italia, ha avuto l’ardore di proporre una pizza ad un prezzo oserei dire “folle”. Stiamo ovviamente parlando di Carlo Cracco che con la sua pizza a 16€ creò un sacco di dissapori tra la gente. La differenza magari sta nella pizza stessa dove quella di Cracco già dalle foto sembrava una fetta biscottata, mentre quella di Briatore anche se più esosa sembra avere un aspetto accettabile.

Ma chi in Italia spenderebbe tutti questi soldi per una margherita? Considerando che con la stessa cifra si arrivano a prendere anche quattro pizze volendo. Solo i suoi amici a Porto Cervo magari. Provate a pensare se una roba del genere aprisse in una città come Napoli, non crediamo però che oserebbe davvero tanto, sarebbe probabilmente un pessimo investimento.

Cosa che sembra invece non aver spaventato l’imprenditore da aprire anche a Londra e Monte Carlo, sicuramente città note per il ricco stile di vita, soprattutto Monte Carlo meta di tutta la nobiltà europea. Forse proprio per questo le città non sono casuali, perché solo lì qualcuno arriverebbe a spendere tanto, anche se Londra è più alla mano resta comunque una città dove il “caro” si mantiene adeguatamente.

Non per fare ulteriore disfattismo, ma anche i social non hanno reagito benissimo a tale notizia. Infatti l’imprenditore viene schernito pesantemente più o meno da tutti, a buon ragione visto che il prezzo andrebbe sicuramente rivisto. Considerando poi che ci troviamo in una fase storica dove l’economia è stata pesantemente danneggiata dal covid-19, si direbbe uno schiaffo alla miseria. Poi ci sono pochi, che forse ci andranno pure, che giustificano “non siete obbligati ad andarci” infatti qua ci teniamo tutti alla larga, e voi?

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>