Elisabetta Canalis parte in missione per il Libano dopo l’aborto

di Ma.Ma. 44 views0

Dopo l’aborto che l’ha vista tristemente protagonista, Elisabetta Canalis è già pronta a buttarsi tutto alle spalle e ricomincare con la vita normale. E così la showgirl sarda, da sempre molto vicina alle cause umanitarie, scrive su Twitter annunciando la sua imminente missione in Libano, dove si presenterà come testimonial ufficiale Unicef.

Un impegno che rende felicissima Elisabetta Canalis la quale esprime tutta la sua gioia in pochissime righe: Che gioia! Emozionata per la mia 1° missione sul campo con @UNICEF_Italia: partenza lunedì destinazione Libano #childrenofsyria. E chissà che la missione in Libano in qualità di testimonial Unicef non possa fare bene alla sarda che sta attraversando forse uno dei momenti più delicati della sua vita.

Non aveva ancora ufficialmente annunciato di essere incinta, infatti, che la showgirl è stata costretta ad annunciare di avere abortito. Lo ha fatto tramite Twitter, ringraziando tutti coloro che le hanno dimostrato sostegno a differenza di tanti che invece nei giorni scorsi, dopo che la notizia di Elisabetta Canalis incinta era trapelata, avevano attaccato la showgirl che non aveva smesso di allenarsi facendo jogging per le strade di Los Angeles. Critiche che hanno scatenato anche la rabbia di Selvaggia Lucarelli che ieri su Facebook ha difeso a spada tratta la Canalis, accusando tutti coloro che l’avevano giudicata e criticata senza sapere niente della sua vita.

SELVAGGIA LUCARELLI DIFENDE ELISABETTA CANALIS DOPO L’ABORTO

Elisabetta Canalis adesso partirà per il Libano, acconpagnata dal compagno Brian Perri, l’uomo che l’ha stregata. La sarda infatti è stata sempre particolarmente altalenante in fatto di uomini ma da quando ha incontrato il chirurgo americano la sua vita è cambiata.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>