Robert Pattinson definisce la sua vita “ridicola”

di Stefania Russo Commenta

Robert Pattinson ha scherzosamente definito la sua vita "ridicola", da quando ha interpretato per la prima volta il ruolo del vampiro Edward Cullen..

Robert Pattinson ha scherzosamente definito la sua vita “ridicola”, da quando ha interpretato per la prima volta il ruolo del vampiro Edward Cullen nel primo episodio della saga di Twilight la sua vita è completamente cambiata, tutto è diventato più frenetico e non può uscire di casa senza che una folla di ragazzine impazzite cerchi di avvicinarsi a lui.

La sua vita, dunque, non è più la stessa, sono lontani i tempi in cui poteva godersi una passeggiata senza dover essere circondato da guardie del corpo che hanno il compito di proteggerlo dall’assalto dei fan, quasi come se fosse un extraterrestre anzichè un ragazzo come tanti.


Le parole dell’attore, tuttavia, non volevano essere affatto una sorta di lamentela, anzi, lui stesso ha definito pazzesco il modo in cui è riuscito improvvisamente ad acquisire notorietà dopo aver semplicemente interpretato il protagonista di un film, dopodichè ha ringraziato tutti coloro che gli hanno consentito di arrivare al successo, compresi i suoi fan.

Dalle sue parole, quindi, traspare una sorta di incredulità, come se lui stesso non riuscisse a capire come mai milioni di persone lo seguono ovunque vada e perchè dei perfetti sconosciuti siano interessati alla sua vita privata.

E’ probabile che questa sua incredulità derivi dal fatto che l’attore è stato improvvisamente e inaspettatamente travolto da un successo incredibile, lui stesso ha rivelato che arrivato a questo punto non ha idea di cosa abbia in serbo per lui il futuro, non sa dove sta andando, sa solo che cerca di lavorare il più possibile per non diventare matto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>