Barbara De Rossi parla dopo la rottura con Anthony Manfredonia

di Maris Matteucci Commenta

L'attrice Barbara De Rossi torna a parlare dopo la rottura inaspettata con Anthony Manfredonia...

La notizia della rottura tra Barbara De Rossi e Anthony Manfredonia è arrivata come un fulmine a ciel sereno visto che i due filavano il perfetto amore tanto che avevano annunciato di volersi sposare.

Ed invece qualcosa è andato storto cosi che l’attrice e il cantante casertano, di 22 anni più giovane di lei, si sono detti addio.


I motivi della rottura non si sono capiti. Si è vociferato di un presunto tradimento di lui con un’attrice coetanea ma Barbara De Rossi ha negato con veemenza durante una intervista rilasciata ad alcuni settimnali tra cui Gente e Diva e Donna. Nessun tradimento, dunque, alla base della rottura tra i due anche se i beninnformati continuano ad essere scettici.

BARBARA DE ROSSI VUOLE SPOSARE ANTHONY MANFREDONIA

Fatto sta che l’attrice – che abbiamo visto fino alla scorsa settimana nella fiction Le Tre rose di Eva – è tornata single e adesso vuole pensare soltanto al suo vero amore, la figlia Martina che lei definisce “la priorità assoluta“. Poi Barbara De Rossi giustifica la sua nuova condizione di single: “Quando una situazione ci crea dolore non ha senso portarla avanti – dice -. La vita non va mai sprecata in situazione che ci fanno soffrire“.

Barbara De Rossi dunque cambia pagina dopo che per lungo tempo aveva difeso quell’amore da molti criticato per il fatto che Anthony Manfredonia avrebbe potuto essere suo figlio. Ma adesso è tempo di cambiare e l’attrice si sente pronta ad affrontare la vita con nuovo slancio, nonostante la delusione: “A chi alla mia età si sente risucchiata verso il basso dico che bisogna sempre avere coraggio, fare punto a capo e ringranare la marcia giusta“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>