Gigi Buffon racconta di quando soffriva di depressione

di Maris Matteucci 4

Gigi Buffon si racconta al settimanale Grazia...

Il portiere della Juventus e della Nazionale Gigi Buffon aveva già ammesso di avere sofferto in passato di una forte depressione, ma in una intervista al settimanale Grazia, il marito di Alena Seredova ricorda quel brutto periodo che si è prolungato per circa sei-sette mesi.

Un periodo di cui il portierone bianconero non mantiene – per forza di cose – un bel ricordo.


Gigi Buffon ricorda che ai tempi non provava più interesse per niente e che si sentiva come un robot che si muoveva troppo lentamente. Nonostante tutti gli facessero notare che non gli mancava davvero niente, in lui c’era qualcosa che non andava anche se ancora oggi Gigi Buffon non riuscirebbe a spiegare la causa di tutto quel malessere.

E’ una cosa difficile da spiegare – dice al settimanale Graziasolo chi ha sofferto davvero di depressione può capire di che cosa sto parlando. La depressione è una cosa che non passa da un giorno all’altro, ci vogliono cure e tanta pazienza“. Il portiere bianconero fresco di scudetto con la Juve, in precedenza, aveva ammesso di essere ricorso ad uno specialista per cominciare quel percorso che lo ha poi portato alla guarigione completa.

Oggi, si dichiara infastidito da coloro che pensano che, solo perché non ha problemi economici, una persona debba per forza di cose essere felice: “I soldi sono tantissimo ma a volte c’è anche altro“… Ad aiutarlo ad uscire da quel tunnel così pericoloso sono state le persone più vicine a lui che non hanno mai smesso di dimostargli tutto il loro affetto. “Grazie a loro e con la mia forza di volontà sono riuscito a superare quella fase“…

Commenti (4)

  1. A topo gigio non solo vorrei i soldi che hai,ma vorrei anche una come alena ti dirò….ma guardatelo poverino,pietà era depresso,quelli già inspiegabilmente favoriti in tutto nella vita questi discorsi non si posson nemmeno permettere di farli,di cosa eri depresso..del tutto troppo che hai,uomo povero non mi sei mai piaciuto e mai mi piacerai

  2. FORZA GIGI, RESISTI TRA POCCHISSIMO è FINITA e TI GODRAI LA PENSIONE. Ma… come mai “A GHIGNA GHIGNA” (0 MEGLIO NEI RIGORI) SEI MOLTO, MA MOLTO!!!! MENO DI ZERO ?????? e quella palla che con la mano destra hai respinto sul palo? UNA COMICA!!!! QUI’ HAI FATTO RIDE…. TUTTO IL QUARTIERE, Ma per caso, hai perso anche qualce grado di vista??? se fosse veramente così, mi scuso di tutto e di quello appena detto. Forza GIGI, LA PAGNOTTA è DURA!!!!!! ULTRAS AMARANTO.

  3. A RIPOVERO GIGI !!!!!!! OGGI SEI ARRIVATO VERAMENTE AL TRAGUARDO ( CON LA FIORENTINA) FALLA FINITA, IO SONO UNO JUVENTINO INCALLITO MA COSì STAI FINENDO VERAMENTE MALE, LA TUA SOPRAVVALUTATA CARRIERA, è UN CALVARIO VEDERTI IN PORTA, ANCH’IO SONO STATO UN PORTIERE, ORA HO 50 ANNI, MA QUANDO VUOI FARE UNA GARA IN PORTA, CHIAMAMI SONO CONVINTO CHE TI DEMORALIZZO ANCORA DI PIU’, SEI PIANTATO PER LA TERRA, CHE CASCATA HAI FATTO!!!! FAI PENA, RIPETO ABBI CORAGGIO E FALLA FINITA, HA RAGIONE IL “GRANDE TEDESCO BECK” ORA FAI VERAMENTE PENA A TUTTI, ANCHE A NOI JUVENTINI. MA NON TE NE ACCORGI CHE I MEDIA NON TI CRITICANO NEMMENO PIU’? E IL SILENZIO COSì FA ANCHE PIU’ MALE DELLA CRITICA. TENEVANO IN PANCHINA DEL PIERO? ALLORA TE SEI DA CASA DI RICOVERO!!!!!! LA PANCHINA PER TE ORA è UN LUSSO. FORZA GIGI…TUTTI I NODI COME VEDI, PRIMA O POI VENGONO SEMPRE AL PETTINE CIAO SOPRAVVALUTATO…..ORA HO ANCHE CAPITO PERCHE’ SOFFRI DI DEPRESSIONE: PERCHE’ TE LO HAI SEMPRE SAPUTO CHE SEI SEMPRE STATO UNO SCARSO. ( e se lo dice un FENOMENO come BECKEMBAUER…….)E NON L’HO DETTO SOLO IO CHE NON SONO NESSUNO. SPERO CHE CONTE ABBIA, MAGARI LUI IL CORAGGIO DI MANDARTICI IN PENSIONE.

  4. @paolo: POVERO BUFFON, ORA DA LA COLPA ANCHE A QUELL’ALTRI, TI CI MANCAVA QUESTO…… ORA SEI VERAMENTE PRONTO!!!!!!!! MA PER LEVATTI DI “ULO !!!!!! QUANDO SMETTI CI SI IMBRIAAA TUTTI, SI CHIAMA ANCHE LA SEREDOVA…… PIERO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>