Paul McCartney canta “Michelle” alla moglie del presidente Obama

di Serena De Carlo Commenta

Quale canzone poteva cantare l'ex Beatles alla moglie del Presidente Obama? Ovviamente “Michelle”. È successo alla Casa Bianca, in occasione del “Gershwin Prize...

Quale canzone poteva cantare l’ex Beatles alla moglie del Presidente Obama? Ovviamente “Michelle”.

È successo alla Casa Bianca, in occasione del “Gershwin Prize for Popular Song”, premio della Biblioteca del Congresso Usa, in cui Paul McCartney, dopo aver ricevuto la targa dallo stesso presidente per la canzone, ha dedicato e intonato il pezzo alla moglie Michelle.

McCartney, 67 anni, ha dovuto chiedere, subito prima dell’esecuzione, perdono a Barack Obama, che ha sostenuto in questi giorni, durante l’allarme petrolio nel Golfo del Messico.



Il presidente l’ha presa simpaticamente e, approfittando del momento, si è avvicinato all’orecchio della moglie per cantarle teneramente anche lui la canzone.

Paul – impegnato in questi giorni alla realizzazione di un film sulla moglie Linda, morta per un cancro nel ’98 – ha cantato poi “Let It Be”ed “Hey Jude”, ammettendo di non ricordare più le parole e la musica degli oltre mille brani scritti da lui e che prima di una tournée deve perciò rimettersi a studiare per ripassare i pezzi.

Tra gli artisti presenti nella East Room anche Stevie Wonder, che ha vinto il premio lo scorso anno e che ha cantato con Paul McCartney “Ebony and Ivory”, inno all’integrazione razziale e da solo “We Can Work It Out”. Presenti anche Elvis Costello, Herbie Hancock e i Jonas Brothers.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>