George Clooney e Cristiano Ronaldo testimoni al processo Ruby

di Maris Matteucci Commenta

George Clooney e Cristiano Ronaldo saranno chiamati a testimoniare al processo Ruby

Cosa hanno in comune George Clooney e Cristiano Ronaldo? Apparentemente niente: il primo fa l’attore, il secondo il calciatore di successo.

Entrambi però dovranno testimoniare all’interno del processo Ruby con l’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi che dovrà difendersi dalle accuse di sfruttamento della prostituzione minorile per le ormai tristemente famose feste di Arcore a cui prese parte anche l’allora minorenne Karima El Maroug, conosciuta da tutti come Ruby Rubacuori.


George Clooney e Cristiano Ronaldo non saranno comunque gli unici testimoni Vip chiamati in Tribunale: la lista è lunghissima (comprende oltre duecento nomi tra personaggi famosi e non) e vede anche personaggi noti che in qualche modo sono stati tirati in ballo lungo le indagini portate avanti dagli inquirenti. Elisabetta Canalis, Belen Rodriguez, Aida Yespica e Barbara D’Urso sono soltanto alcuni esempi di coloro che dovranno testimoniare nel processo cominciato a Milano lo scorso 6 aprile.

Il calciatore Cristiano Ronaldo fu tirato in ballo, a suo tempo, dalla stessa Ruby che dichiarò di avere passato una notte con l’ala del Real Madrid che a fine prestazione le consegnò 4mila euro in contanti. La testimonianza di CR7, dunque, servirà per capire l’attendibilità delle affermazioni della marocchina. George Clonney, invece, sarà chiamato a testimoniare per essere stato presente ad una delle feste “incriminate” organizzate dall’ex premier Silvio Berlusconi ad Arcore.

Tra le persone citate in aula ci sono anche le parlamentari Daniela Santanchè e Maria Rosaria Rossi oltre gli ex Ministro Mariastella Gelmini, Mara Carfagna e Franco Frattini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>