Ilary Blasi dice la sua sulla violenza verso le donne

di Stefania Russo 2

Nel corso di un'intervista rilasciata a Vanity Fair Ilary Blasi parla di un tema che purtroppo continua a far parte della nostra società: quello..

Nel corso di un’intervista rilasciata a Vanity Fair Ilary Blasi parla di un tema che purtroppo continua a far parte della nostra società: quello della violenza nei confronti delle donne.

Anche nel corso degli ultimi mesi, infatti, non sono mancati casi di ragazzi che uccidono ex fidanzate dopo un loro rifiuto o di mariti che perseguitano ex mogli, un problema che secondo la conduttrice è in larga parte riconducibile all’educazione ricevuta dai propri genitori, in particolare dalle mamme che troppo spesso hanno un atteggiamento sbagliato nei confronti dei figli maschi, quasi sempre messi su una sorta di piedistallo, come se avessero e meritassero qualcosa in più rispetto alle donne.


Dopo essersi rivolta alle madri, invitandole ad avere un attegiamento uguale sia nei confronti dei figli maschi che delle figlie femmine, si è rivolta anche alle ragazze, invitandole ad avere una maggiore stima di sè stesse e a non tollerare mai un “fidanzato padrone”, ossia uno che ti dice sempre cosa fare, come vestirti o chi frequentare.

Secondo Ilary Blasi, inoltre, nella nostra società c’è un’idea sbagliata in base alla quale se uno ama deve perdonare all’altro tutto, così come pure quella dei ragazzi di sentirsi autorizzati a qualunque gesto quando provano un sentimento forte nei confronti di un’altra persona.

Commenti (2)

  1. La Blasi tra tutte si sta rivelando la migliore.

  2. SI’ HAI RAGIONE ILARY, IL FIDANZATO SE TI AMA DAVVERO,
    TI DEVE ACCETTARE PER QUELLO CHE SEI IN TUTTO E PER TUTTO,
    PURE COME TI VESTI,
    BRAVA E’ COSI’ CHE SI RAGIONA…
    TI SEI RIVELATA LA MIGLIORE…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>