Alessio Lo Passo sul trono divide il pubblico di Uomini e donne

di Maris Matteucci Commenta

Alessio Lo Passo sarà il prossimo tronista ufficiale di Uomini e donne: sostituirà Chiara Sammartino

La notizia di Alessio Lo Passo sul trono ha spaccato in due il folto pubblico di Uomini e donne: c’è chi appoggia la decisione del ventottenne ligure e chi invece la condanna, accusando l’ex corteggiatore di Giulia Montanarini di essere ancora una volta interessato solo ed unicamente alle telecamere.


Alessio Lo Passo negli ultimi è stato al centro del gossip: prima per la sua storia con Giulia Montanarini (che lo aveva scelto nella scorsa stagione del programma di Maria De Filippi), quindi per la storia di passione (durata una sola notte, a quanto pare) con la corteggiatrice Valeria Bigella. La sarda aveva prima smentito categoricamente le affermazioni di Alessio, poi aveva dovuto ammettere la cosa perché messa spalle al muro in una puntata registrata di Uomini e donne dedicata ai personaggi della passata stagione.

VALERIA BIGELLA AMMETTE STORIA CON ALESSIO LO PASSO

Per Alessio Lo Passo è cominciata adesso una nuova avventura: nei giorni scorsi il futuro tronista ha registrato il suo videoclip di presentazione a Genova, dove attualmente vive e lavora come commesso in un negozio di abbigliamento. Affiancherà Giorgia Lucini, “orfana” della sua nemica giurata Chiara Sammartino (che ha abbandonato la trasmissione per vivere la sua storia d’amore con Gabrio lontano dalle telecamere).

A volerlo sul trono fortemente, a quanto pare, è stata la conduttrice Maria De Filippi che verso di lui ha sempre nutrito grande simpatia. E a quanto se ne dica, simpatico o no, Alessio Lo Passo si è sempre dimostrato leale e sincero, forse anche troppo. Vedremo che cosa succederà con lui seduto sull’ambita poltrona rossa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>