Monica Riva chiarisce il suo comportamento ambiguo

di Elisa Bianchi Commenta

La bella marchigiana infatti ha avuto nella casa alcuni atteggiamenti che le hanno regalato il titolo di ragazza ambigua. Monica ha da...

monica-riva-nel-confessionale

All’indomani della puntata del Grande Fratello che ha visto l’eliminazione di Roberto, ci troviamo a sottolineare alcuni punti fondamentali delle dichiarazioni della provocante Monica Riva.

La bella marchigiana infatti ha avuto nella casa alcuni atteggiamenti che le hanno regalato il titolo di ragazza ambigua. Monica ha da sempre voluto smentire questa interpretazione del suo comportamento affermando di essere la persona più sincera della casa.


Tutto nasce quando Monica trovava interessanti alcuni punti del carattere di Gianluca Zito che poi ha definito il ragazzo più falso di tutti. All’interno della casa Gianluca Zito si prestava a confidenze amichevoli con Monica Riva, ma in molte occasioni si è trovato a parlarne male alle spalle e questo atteggiamento ha infastidito molto la bella Monica di Ascoli Piceno.


Il pubblico ha anche notato l’atteggiamento avuto nei confronti di Siria di Fazio. Monica si è lasciata andare in confidenze intime a tratti anche scherzose riguardo ai gusti sessuali di Siria. Monica però vuole ribadire che in Siria cercava solo una bella e sincera amicizia, ma niente di più e questo comportamento, afferma Monica, è stato percepito bene da Siria che infatti non ha mai provato a chiederle qualcosa di più.

Con Siria quindi non c’è stato niente di più che un’amicizia mentre con Gianluca Monica si è fidata troppo sbagliando. Adesso spera di riuscire a diventare un’ottima attrice o una presentatrice di fama, ma per far questo ora Monica dovrà studiare molto e sfruttare al massimo la popolarità che il Grande Fratello le ha regalato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>