Roman Abramovich al ristorante spende 35 mila euro

di Elisa Bianchi 2

per Roman Abramovich quella cifra basta a mala pena per pagare una cenetta con alcuni amici..

Roman Abramovich

Ci sono persone che 35 mila euro li guadagnano con due lunghi anni di lavoro e alcuni la stessa cifra la guadagnano in ben 3 anni, ma per Roman Abramovich quella cifra basta a mala pena per pagare una cenetta con alcuni amici.

E’ quello che è successo pochi giorni fa al ristorante Nello di New York che ha avuto tra i propri clienti il magnate russo Roman Abramovich proprietario, tra le altre cose, della squadra londinese Chelsie Chelsea.


Roman Abramovich si è presentato al ristorante con 10 amici con i quali ha gustato dei primi con caviale bianco, filet mignon sorseggiando un’intera cassa dello champagne più costoso presente nel locale.


A questo punto il riccone russo si è fatto portare il conto che portava la cifra di oltre 47 mila dollari. Non contento di aver speso così tanto, Abramovich ha lasciato ben 5 mila dollari di mancia per l’impeccabile qualità del servizio.

Totale 35 mila euro spesi per un pranzo con 10 amici. Una cifra folle per noi, ma che per lui sono solo bruscolini, si pensi ad esempio che per costruire il suo nuovo yacht eclipse, che vediamo in foto, il magnate ha dovuto sborsare la bellezza di 340 milioni di dollari. Cifre da capogiro.

yacht eclipse

Commenti (2)

  1. Allora..
    A prescindere che si scrive Chelsea, non Chelsie.
    Io credo che 47+5 non faccia 35, cara mia Elisa.
    Roman non ha alcuna colpa, sta semplicemente spendendo i soldi che può, come tutti noi faremmo. Non venitemi a dire cche è un avaro, perchè come vedete ha lasciato 5.000$ di mancia.
    Cari saluti,
    Carlo.

  2. Grazie per la precisazione, comunque se noti 47+5 mila (dollari) fa esattamente 35 mila EURO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>