Melissa Satta perde il lavoro per colpa di Irina Shayk

di Maris Matteucci Commenta

Melissa Satta non lavorerà per una agenzia di Barcellona per colpa di Irina Shayk...

Qualche problemino in corso tra Melissa Satta e Irina Shayk: la bella showgirl sarda sarebbe stata contattata per un importante lavoro in Spagna attraverso l’agenzia Elite Models di Barcellona trovando però la netta ostruzione della modella russa, punta di diamante della stessa agenzia, che si sarebbe opposta con tutte le sue forze al fatto che la bella Melissa potesse entrare a fare parte della “squadra”.


La bella fidanzata di Cristiano Ronaldo, in pratica, non sarebbe voluta entrare in competizione con la compagna di Kevin Prince Boateng: eppure è strano se si pensa che Irina Shayk ad oggi è una delle modelle più richieste al mondo. Strano dunque che la russa soffra il paragone con Melissa Satta che è sì anche lei bellissima, ma insomma non dovrebbe rappresentare motivo di disturbo.

FOTO MELISSA SATTA SEXY PER PLAYBOY

Ed invece è stato così. La sarda prima è stata contattata dall’agenzia, quindi – secondo quanto affermato da Novella 2000 – è stata ri-chiamata per essere messa al corrente del fatto che la proposta era stata momentaneamente “congelata”. La diretta interessata non ha voluto commentare le voci trapelate – secondo cui sarebbe stata appunto Irina Shayk a non volerla – ma sicuramente non sarà stata così felice per aver perso quella che, lavorativamente parlando, avrebbe potuto rappresentare una buona possibilità.

IRINA SHAYK NUDA PER FHM

Nonostante la carriera televisiva, infatti, Melissa Satta continua a lavorare parallelamente nel campo della moda. E fa anche bene, visto che può contare su un fisico praticamente perfetto. Quel fisico che ha fatto così paura anche ad una modella super affermata come Irina Shayk…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>