Alessia Fabiani (incinta) confessa di avere perso due bambini in passato

di Maris Matteucci Commenta

Alessia Fabiani a novembre partorirà ma confessa di avere perso due bambini in passato e di avere sofferto molto...

Alessia Fabiani è incinta di due gemelli, un maschio e una femmina, ed è al settimo cielo per il lieto evento che dovrebbe avvenire intorno alla metà di novembre.

Ma la ex passaparolina, al settimanale DiPiù che ne raccoglie l’intervista esclusiva, racconta anche di un passato doloroso che le ha tolto per ben due volte la possibilità di diventare mamma.


Ecco perché questa gravidanza ha un valore ancora più grande per Alessia Fabiani che ad un certo punto della sua vita, dopo due aborti, ha pensato che per lei non sarebbe stato più possibile rimanere incinta.

La showgirl racconta di essere rimasta incinta la prima volta molto giovane: “Con il passare degli anni ho sempre cercato di allontanare il pensiero – ricorda – e alla fine credo che il destino abbia deciso per me. Il mio fidanzato di allora, Daniele, è mancato qualche anno dopo in un incidente. Così avrei avuto un figlio orfano di padre molto presto“.

ALESSIA FABIANI INCINTA SI RACCONTA A CUORE APERTO

Ma l’esperienza dolorosa si è ripetuta per Alessia Fabiani che ha dovuto affrontare anche l’interruzione di un’altra gravidanza, con l’attuale compagno Fabrizio Cherubini. “Anche in quell’occasione ero felicissima ma dopo qualche settimana la gravidanza si è interrotta spontaneamente. Ho sofferto molto e sono rimasta male“. Tanto da pensare di non poter più avere bambini. Ed invece a marzo, quando meno se l’aspettava, Alessia Fabiani è rimasta di nuovo incinta. “Quando ho scoperto che erano due ho pensato che fosse un dono del Signore: credo che mi abbia voluto in qualche modo “restituire” i bambini che avevo perso“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>