Belen Rodriguez trionfa a “La notte degli chef”

di Cristina Baruffi 2

Belen Rodriguez non ha perso il suo tocco magico, risollevando le sorti del programma flop di Alfonso Signorini.

Alfonso Signorini è stato bocciato dalla critica dopo la prima puntata de “La notte degli chef”, ma ha deciso di rimediare invitando in studio Belen Rodriguez, la showgirl argentina in grado di trasformare in oro tutto ciò che tocca.
La puntata di ieri sera è stata sicuramente migliore, perché a differenza della Canalis, che aveva dimostrato incapacità e snobbismo, Belen si è messa in gioco anche questa volta con entusiasmo e con la solita allegria che la contraddistingue.


I momenti di alta televisione non sono mancati, infatti giunti a metà diretta il direttore di Chi ha chiesto a Belen di pulire per terra sottolineando il fatto che fino al giorno prima la showgirl si trovava a Ibiza, ma lei non si è scomposta accettando di buon grado l’incarico che le era stato affidato. Per la Rodriguez non ci sono state cattiverie gratuite, mentre per quanto riguarda l’ex velina sarda i commenti non si sono sprecati soprattutto ora che non ha più un fidanzato ricco e famoso da esibire come un trofeo di guerra…

Commenti (2)

  1. quante stupidaggini, fate passare Belen come un’attrice da Oscar. Finora ha incamerato tanti flop e il programma è veramente brutto.Leggo tante cattiverie sulla Canalis che l’unico sbaglio è stato quello di mettersi con un rimbambito di Clooney, che probabilmente prova o ha provato affetto solo per il suo maiale Max, suscitando l’inviadia delle donne. Gelosia che è tipica delle donne italiane. Stiamo assistendo in televisione alla parata Belen (padre, madre. sorella, fratello, fidanzato idiota)con i suoi lati A B C D e chi più ne ha ne metta e sinceramente la trovo discreta e nulla più e non la sopporto più…..meglio la Canalis con la sua timidezza scambiata per arroganza.

  2. non si direbbe….ascolti ancora più bassi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>