Elisabetta Canalis chiarisce la sua posizione nel processo Ruby

di Maris Matteucci Commenta

Elisabetta Canalis usa Twitter per chiarire la sua posizione nel processo Ruby

Pochissimi giorni fa da Milano era arrivata la lunga lista di personaggi Vip che dovranno testimoniare nel corso del processo Ruby nel quale l’ex premier Silvio Berlusconi dovrà difendersi dalle accuse a lui rivolte di sfruttamento della prostituzione.

E tra la lunga lista di personaggi che saranno chiamati a testimoniare è spuntato anche il nome di Elisabetta Canalis. Subito la ex velina tiene a precisare la sua posizione in merito alla vicenda. Lo fa su Twitter, che ormai è diventato il suo canale preferenziale per comunicare con i suoi fans.


La ex fidanzata di George Clooney ringrazia intanto per l’esistenza dei social network che permettono di arrivare alla gente in tempi radpidi. Perché, come lei stessa afferma, “a volte i giornali non sono troppo chiari. E allora viva Twitter“. Elisabetta Canalis spiega che è stata chiamata in causa per smentire la sua presenza in un determinato luogo (si presuppone la villa di Arcore di Silvio Berlusconi, dove avevano luogo i festini incriminati).

I VIP CHIAMATI A TESTIMONIARE NEL PROCESSO RUBY

La sarda dice che quando sarà chiamata a testimoniare lo farà con piacere per smentire categoricamente la sua presenza in determinati posti. Non è la prima volta che Elisabetta utilizza Twitter per comunicare con i suoi fans, ma evidenteente il famoso motore di ricerca e la ex velina vanno molto d’accordo. Tanto che lei ogni tre per due scrive sul suo profilo per tenere un filo diretto con le persone che la sostengono.

Intanto, la Canalis è tornata in Italia per quealche giorno. Lunedì, infatti, è attesa in piazza Duomo a Milano per la campagna PETA (per la quale è testimonial) a favore degli animali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>