Elisabetta Canalis si riscatta a Dancing with the Stars

di Maris Matteucci Commenta

Dopo l'esordio non proprio felice in Dancing with the Stars, Elisabetta Canalis sta compiendo netti miglioramenti

Nei giorni scorsi vi avevamo parlato del debutto flop di Elisabetta Canalis nel programma americano Dancing with the Stars, la versione a stelle e strisce di Ballando con le stelle.

La ex velina di Striscia la notizia non aveva certo ben impressionato ed anzi, all’indomani della prima puntata, era stata letteralmente stroncata dalla critica americana.



A distanza di poco tempo però la bella Elisabetta sembra si stia prendendo una piccola rivincita: perché se è vero che all’esordio non era andata proprio bene, e anche vero che con tanto impegno e forza di volontà la ex fidanzata di George Clooney, insieme al suo compagno di ballo, sta scalando qualche posizione nella classifica dei concorrenti in gara. Elisabetta Canalis, insomma, non è negli ultimi posti della graduatoria del programma ma piano piano si sta posizionando nella parte medio alta della classifica. Evidentemente le critiche della prima puntata le hanno fatto bene e le sono servite da stimolo per migliorare. D’altronde la Canalis aveva sempre dichiarato di essere molto felice per la possibilità che le era stata concessa.

Dancing with the Stars è infatti uno dei talent show più seguiti in America ed Elisabetta Canalis sicuramente avrà colto al volo questa esperienza per poter guadagnare visibilità in un paese come gli Stati Uniti dove lei ha sempre dichiarato di voler abitare, nonostante la fine della storia con l’attore hollywoodiano George Clooney.

LA CANALIS NON VUOLE PIU’ TORNARE IN ITALIA

L’Italia sta stretta alla bella Elisabetta? A quanto pare sì anche se, dopo la rottura con Clooney, Eli si era rifugiata proprio in Italia per ritrovare la serenità necessaria a voltare definitivamente pagina.

foto Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>