Sara Tommasi, le foto del sexy calendario

di Maris Matteucci Commenta

Sara Tommasi, ecco le foto del sexy calendario in favore dei terremotati dell'Emilia Romagna

Sarà anche cambiata (come lei stessa ha ammesso nell’intervista rilasciata a Simona Ventura durante Cielo che gol) ma Sara Tommasi non sembra aver cambiato strada, nemmeno dopo aver rischiato la vita a causa di alcune amicizie sbagliate che l’hanno portata dritta dritta in una clinica di disintossicazione (da droga, alcol e chi più ne ha più ne metta).

Sul web infatti fanno capolino le foto del sexy calendario che Sara Tommasi avrebbe fatto in favore dei terremotati dell’Emilia: scopo benefico, dunque, per la showgirl umbra che ancora una volta si è affidata alla Dive & Star Production & Management di Federico De Vincenzo, colui che ne aveva prodotto anche il primo film porno (e con il quale Sara Tommasi aveva intrapreso a suo tempo un litigio a distanza, accusandolo di averla drogata per obbligarla a fare il video porno in questione).


Il sexy calendario di Sara Tommasi, dunque, è disponibile. Niente di sconvolgente – la ex concorrente dell’Isola dei Famosi ci ha abituato a molto peggio -, solo qualche foto osé nel tentativo di vendere qualche copia e aiutare così i terremotati dell’Emilia Romagna. D’altronde, dopo aver “apprezzato” Sara Tommasi per tutto lo scorso anno – mentre nuda girava per le strade di Roma o mentre si rendeva protagonista di video deliranti realizzati per il suo amico Alfonso Luigi Marra – non sarà certo un calendario pseudo sexy a sconvolgerci l’esistenza.

SARA TOMMASI, VIDEO DELIRANTE PER CHIEDERE SCUSA A MARRA


Lei però è cambiata e adesso vuole tornare a fare una vita normale:
magari dietro lo sportello di una banca, secondo l’appello lanciato a Cielo che gol. Riuscirà a coronare il suo sogno?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>